mercoledì, 23 gennaio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

10.04.2012

I Phoenix Again si tuffano nel sogno americano

I Phoenix Again pronti per lo sbarco in Usa
I Phoenix Again pronti per lo sbarco in Usa

All'inseguimento del sogno (discografico) americano. Tutto d'un botto, come un fulmine a ciel sereno: dopo manciate di anni trascorsi a pane e nitrati prog-rock, palchi gocciolanti di sudore e virtuose vibrazioni sinfoniche, ora, per i bresciani Phoenix Again, è tempo di mettere radici nel mercato degli Stati Uniti.
Dalla metà di aprile, infatti, il loro disco «ThreeFour» sarà disponibile oltreoceano in vendita on-line sul portale www.Syn-Phonic.com, che si occupa di distribuire la crema delle produzioni progressive pescate un po' da tutto il mondo. Italia compresa. Un traguardo che arriva a fotografare una delle realtà più anticonvenzionali e longeve all'interno dell'universo musicale autoctono (gli albori dei Phoenix dicono 1981), sempre fedele al proprio «credo» strumentale e alla filosofia del compromesso commerciale zero.
Da allora di acqua sotto ai ponti ne è scivolata parecchia, la formazione originale della band - composta dai tre fratelli Claudio, Antonio e Sergio Lorandi (rispettivamente doppia sezione chitarristica e basso), più Silva Silvano alla batteria - ha fatto i conti con le evoluzioni del tempo, un'inossidabile corazza fatta di coerenza e, soprattutto, i beffardi sgambetti della vita che nel 2007 si sono portati via prematuramente quella di Claudio.
Per questo, l'imminente volano discografico a stelle e strisce ha un altro sapore: quello della rivalsa positiva, caparbia, mai doma. Con più semplicità…di una soddisfazione grande come una casa. «Quando ho ricevuto l'email di Greg Walker, responsabile del sito che diceva di voler distribuire il nostro Cd negli States non ci volevo credere – racconta Antonio Lorandi -. Ovviamente abbiamo subito accettato la proposta: il disco era già stato recensito su importanti siti dedicati alla musica progressive, ma questa è per noi è davvero un'occasione speciale».
Già, di quelle che non capitano tutti i giorni. Specie se si considera la portata di un genere - il prog, appunto -, che di questi tempi non rappresenta propriamente il gusto dominante in circolazione. Per i Phoenix, d'altronde, rincorrere i trend è sempre contato fino a pagina due. Meglio piuttosto calcare duro sullo zoccolo di appassionati, scontrandosi con i relativi pro e contro del caso: «L'album è già online sia in Italia che in Europa, distribuito da www.btf.it - continua a staffetta l'altro Lorandi, Sergio -. L' unico peccato è che risulta sempre troppo complicato trovare la possibilità di esibirsi se si esegue della musica d'autore solo strumentale».
Ecco allora che nella speranza di vedere la «piazza» Usa trasformarsi in una potenziale nuova area (e che area...) dove spargere semi live, il qui ed ora on stage dei Phoenix Again continua: la band - allargata da Marco Lorandi alle chitarre ritmiche e Alessandra Lorandi al flauto - si esibirà infatti giovedì 19 aprile in città, al Latte Più.

Elia Zupelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Il Racconto di Ferragosto

Sport

Spettacoli