19 febbraio 2019

A cura di Publiadige

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

30.10.2018

I 5 sport più
pagati al
mondo nel 2018

A cura di Publiadige

I 5 sport più pagati al mondo nel 2018
I 5 sport più pagati al mondo nel 2018

L’industria dell’intrattenimento è da sempre una delle più redditizie per chi si trova all’apice della sua carriera. Lo sport in particolare, è una professione in cui ci sono anche stipendi milionari. Alcuni dei migliori giocatori al mondo, nel corso della loro carriera sportiva, sono diventati miliardari non solo per i guadagni raggiunti con gli ingaggi, ma anche grazie ai contratti in esclusiva con gli sponsor.

Ogni anno sono pubblicate delle liste di questi giocatori (per sapere quali sono i più ricchi del 2018, vi rimandiamo all’infografica realizzata da Codicebonus), e qui di seguito elenchiamo quali sono i 5 sport dove i compensi medi sono più alti.

5. Football Americano

Il football americano è uno degli sport più popolari negli Stati Uniti d’America, che per ovvie ragioni vede gravitare nelle sue casse compensi milionari per i propri giocatori di punta.

Molti dei giocatori presenti nella NFL (la lega più famosa nel football americano), si trovano spesso ad occupare le migliori posizioni della classifiche rilasciate da Forbes. Joe Montana ad esempio, nel 1992 si è piazzato al 7° posto come atleta più pagato in quell’anno. Nel 1995 invece, Deion Sanders ha raggiunto la terza posizione di questa classifica, grazie ad un incasso totale di oltre 22 milioni di dollari.

4. Golf

Il gioco del golf è da sempre un gioco per persone benestanti, e quindi è facile comprendere che anche i giocatori di maggior rilievo percepiscano dei buoni compensi. Tiger Woods, nel corso della sua carriera ha raggiunto più volte la cima più alta della classifica stilata da Forbes sugli sportivi più ricchi.

Nel 2002 con 69 milioni di dollari, nel 2003 con 78 milioni, nel 2004 con 80,3 milioni, nel 2005 con 87 milioni, nel 2006 con 90 milioni, nel 2007 con 100 milioni, nel 2008 con 115 milioni, nel 2009 con 110 milioni, nel 2010 con  105 milioni e in 2011 con 75 milioni. Infine, ritorna al vertice della classifica nel 2013 con un reddito totale di 78,1 milioni di dollari. Successivamente, si è sempre trovato sul podio di questa preziosa classifica.

3. Corse automobilistiche

Nel corso della loro carriera, sono molti i piloti automobilistici che si sono trovati a raggiungere compensi davvero cospicui. La Formula 1 e Nascar sono le competizioni dove è possibile ottenere i migliori compensi. Il mettere così a rischio la propria vita è sicuramente un fattore che porta gli sponsor e le scuderie a pagare cifre consistenti ai piloti che meglio si sanno distinguere.

Il leggendario pilota della Ferrari Michael Schumacher ha raggiunto il primo posto della classifica, stilata da Forbes nel 1999, con un reddito che ha superato i 49 milioni di dollari. Nel 2000, con 59 milioni di dollari si è ripreso il gradino più alto di questa classifica.

In precedenza, piloti come Nigel Mansell e Ayrton Senna si sono piazzati ai primi posti, grazie ai compensi guadagnati dalle scuderie e in particolare grazie alle ingenti somme pagate dagli sponsor.

È bene ricordare che in questo tipo di sport sono i compensi ottenuti dagli sponsor a fare la maggior differenza.

2. Boxe

Anche gli atleti che praticano questo sport hanno lasciato un segno nelle classifiche dei più pagati. Oltre ad essere uno sport molto pericoloso (non è infrequente che molti pugili si ritirano per problemi legati a contusioni o incidenti), permette ai professionisti di ottenere lauti compensi per gli sforzi sostenuti.

Uno dei pugili più pagati nella storia della boxe è sicuramente Mike Tyson, che è stato inserito nella lista dei 100 sportivi più pagati nel 1991 e nel 1996 (in questa seconda apparizione, con un reddito totale di 75 milioni di dollari). Un altro nome nel pugilato professionista, Floyd Mayweather è riuscito a superare il leggendario Mike solo nel 2012 (con 85 milioni) e nel 2014 (con 105 milioni).

1. Basketball

In Italia non è sicuramente uno degli sport più seguiti, ma nel resto del mondo è uno sport in grado di muovere più che considerevoli somme di denaro. L’NBA è il campionato di punta, dove i migliori giocatori guadagnano milioni di dollari tra sponsor e compensi da parte delle squadre. Il primo giocatore ad entrare nella classifica di Forbes è stato Michael Jordan, che nel 1992 con 35,9 milioni di dollari si era piazzato sul gradino più alto. Nel corso della sua carriera ha raggiunto molte volte il podio, grazie agli ingenti compensi che gli sponsor erano contenti di conferirgli.

Sempre nella pallacanestro, è bene citare il nome di Shaquille O'Neal. Con il suo 2° posizionamento nella classifica Forbes del 1994 (con 16,7 milioni di dollari), è ancora l’unico vero rivale di Michael Jordan in questa sfida fra leggende del gioco del basket.

Gli sport possono portare in poco tempo un atleta alla fama e alla ricchezza. Queste due particolarità di questo “lavoro”, è quello che maggiormente attira ogni giorno giovani. Tuttavia, ci vuole molto più del solo desiderio di diventare ricchi per eccellere in una disciplina sportiva. La costanza, gli allenamenti e la predisposizione sono tre caratteristiche che ogni sportivo deve avere. Senza un duro lavoro alle spalle, è impossibile raggiungere questi traguardi.

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Il Racconto di Ferragosto

Sport

Cultura

Spettacoli