Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Internet & Hi-Tech

scegli sezione
Anche in Italia arriva Spotify, il nuovo Napster

18.02.2013

Anche in Italia arriva Spotify, il nuovo Napster

Michael Jackson, è su Spotify
Michael Jackson, è su Spotify

Sbarca anche in Italia «Spotify», il nuovo servizio di musica digitale in streaming che permette di ascoltare canzoni on demand, senza limiti. Un nuovo modo di fruire di buona musica.
LANCIATO nell'ottobre 2008 in Svezia, disponde di un catalogo di circa 20 milioni di brani fruibili in decine di paesi, dagli Stati Uniti all'Australia, dalla Nuova Zelanda all'Europa.
LA MUSICA può essere visualizzata per artista, album, etichetta, genere o playlist così come grazie a ricerche dirette.
A differenza degli 'store' musicali di download tipo iTunes, le canzoni scelte non vengono scaricate, ma si ascoltano senza salvarle, come se si trattasse della fruizione via radio. L'unica differenza è che in questo caso non siamo sottoposti alla ricezione di un flusso, ma possiamo selezionare i brani.
ISCRIVERSI è semplice: basterà andare sul sito ufficiale www.spotify.com, creare il proprio account e procedere al download. Un periodo di prova gratuito di sei mesi viene attivato al momento dell'accesso con un account Facebook, durante il quale l'utente può ascoltare una quantità illimitata di musica grazie alla pubblicità visiva e simil-radiofonica. Dopo questo periodo, Spotify ha un limite di ascolto di dieci ore al mese.
L'ABBONAMENTO Unlimited rimuove la pubblicità e i limiti di tempo, mentre l'abbonamento Premium introduce ulteriori funzioni come lo streaming con maggiore bitrate (fino a 320kbps), l'accesso offline alla musica e le applicazioni mobili.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1