Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Internet & Hi-Tech

scegli sezione
La tecnologia anti-intercettazioni costerà venti euro al mese

19.11.2012

La tecnologia anti-intercettazioni costerà venti euro al mese

Un dispositivo militare vi protegge dagli spioni
Un dispositivo militare vi protegge dagli spioni

La tecnologia militare americana sbarca su un'applicazione, decisamente costosa, che peró potrebbe anche trovare diversi acquirenti e creare qualche problema agli agenti delle varie polizie che sempre piú spesso si ritrovano a fare i conti con le intercettazioni telefoniche per risolvere molto spinose e apparentemente irrisolvibili.
VENTI DOLLARI al mese per non rischiare di essere intercettati: sull'Apple store arriva Silent Circle, un sistema di crittografia militare elaborato da Phil Zimmermann (lo stesso cretore del celebre sistema di protezione delle e-mail Pretty Good Privacy) per proteggere telefonate, videochiamate ed sms in entrata e uscita da uno smartphone.
Disponibile per sistemi Apple e presto anche per Android, Silent Circle è diretto a tutti coloro che vogliono essere sicuri di non essere 'spiati'. Dai capitani d'industria ai soldati in missione, dai business man ma inevitabilmente anche a coloro che vivono ai margini del rispetto della legge. Il sistema utilizza una comunicazione VoIP che sfrutta le reti 3G, 4G, Edge e Wi-Fi. Istallando il software la comunicazione viene crittografata. Le chiavi di crittografia sono personalizzate e vengono generate e successivamente distrutte per ogni comunicazione. Il programma consente all'utente anche di impostare un tempo entro il quale i messaggi o le conversazioni salvate si autodistruggono in modo da non lasciare alcuna traccia anche sul web. Se il software è istallato sui telefoni di entrambi gli interlocutori l'intera comunicazione viene crittografata. Altrimenti, se soltanto uno dei due sta usando il software, la chiamata sarà crittografata solo verso i server di Silent Circle. Costa 20 euro, e sulla reale efficacia ancora pare non ci siano prove provate anche perchè é difficile sapere di essere intercettati. Se davvero funzionasse, come peró é lecito aspettarsi dal curriculum del suo inventore, sarebbe una piccola rivoluzione nell'ambito della tracciabilitá telefonica. Per le forze dell'ordine, alle prese con difficoltà vere e non con maghi del computer che invece operano nelle serie televisive poliziesche, il rischio é di trovarsi di fronte ad un nuovissimo ostacolo da superare. C'é da scommettere che i vari dipartimenti di sicurezza si muoveranno presto per far togliere dall'Apple Store un'applicazione che ha tutte le caratteristiche per isolare telefoni e conversazioni che potrebbero essere importanti. Nelle prossime settimane se ne saprà di più: certamente anche la cultura del sospetto e della diffidenza potrebbe dare un discreto slancio alla diffusione di un'applicazione che rappresenta un passo avanti importante rispetto alla precedente versione che si limitava a considerare i messaggi di posta elettronica. Del resto, se esiste un «app per ogni cosa» era piuttosto prevedibile che qualcuno pensasse anche all'intercettabilitá di un telefono cellulare anche se al momento funziona solamente sull'iPhone. Ma per Android, sarebbe solamente una questione di poche settimane.

Daniele Bonetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1