Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Internet & Hi-Tech

scegli sezione
Password più sicure? Ecco come sarà il futuro

28.01.2013

Password più sicure? Ecco come sarà il futuro

Password più sicure, ecco come sarà il futuro
Password più sicure, ecco come sarà il futuro

Le password custodite in un angolo del cervello? Diventeranno solamente un ricordo lontanissimo. In un futuro, non troppo lontano, non sarà più necessario tenere a mente tutte le nostre password, Google sta infatti pensando di rimpiazzare l'attuale sistema di identificazione con una chiavetta Usb o un anello.
In un recente studio, come riferisce il «Telegraph», due esperti di sicurezza hanno delineato un futuro nel quale la verifica della nostra identità sul web avverrà attraverso uno smartphone o anche un gioiello con all'interno una smartcard.
Gli esperti hanno aggiunto che le attuali password sono scarsamente sicure e poche pratiche. Per rendere più difficile la decriptazione per i criminali, i service sul web hanno costretto le persone a usare password più lunghe e con differenti tipi di caratteri, che risultano però anche più difficili da memorizzare.
«Come molti altri, noi pensiamo che le password non siano più sufficienti per garantire la sicurezza degli utenti - , hanno spiegato due esperti della divisione sicurezza di Google Eric Grosse e Mayank Upadhyay, in un articolo appena pubblicato su una rivista - ci piacerebbe uno smartphone o una smartcard incorporata in un anello da portare al dito che funzioni anche quando il cellulare non è connesso».
Grosse e Upadhyay hanno riferito che al momento stanno sperimentando YubiKey, un sottile stick Usb da usare al posto delle password per accedere ai servizi di Google.
Si discute da tempo del problema della scarsa sicurezza delle password, Bill Gates ne aveva predetto la scomparsa giàalla conferenza sulla sicurezza nel 2004.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1