Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Internet & Hi-Tech

scegli sezione
Ruzzle, il gioco tormentone che fa impazzire il mondo

28.01.2013

Ruzzle, il gioco tormentone che fa impazzire il mondo

Un nuovo gioco sta facendo impazzire tutto il mondo online
Un nuovo gioco sta facendo impazzire tutto il mondo online

Una maschera con lettere messe a caso, un dito che scorre e un punteggio che sale all'impazzata. Sono le basi del nuovo tormentone del 2013 si chiama «Ruzzle» e rischia di diventare il caso dell'anno almeno tra i giochi in grado di monopolizzare l'attenzione degli utenti. Non è difficile trovare qualcuno che ci gioca: sull'autobus, nella pausa caffé, sul divano o al supermercato, ogni scusa è buona per giocare al social game del momento per smartphone, da soli o sfidando amici e avversari a caso.
IL PAROLIERE moderno ha conquistato al momento oltre 15 milioni di utenti e ogni giorno sono decine di migliaia coloro che si fanno stregare dal gioco in almeno 100 Paesi in tutto il mondo e ha scatenato una vera mania, con risultati e vittorie da sfoggiare sul proprio profilo Facebook o Twitter. Ma, come ogni gioco che si rispetti, non manca una polemica sulle parole spesso inesistenti che il gioco accetta o su quelle conosciute che a volte non riconosce e che in alcuni casi finiscono giocoforza con il falsare la partita.
Sul web sono anche nati forum, a volte veri e propri tutorial che propongono trucchi per vincere facile tra cui le parole lunghe nell'ultima delle tre manche, o le lettere con il «moltiplicatore» di punti o ancora la prevalenza di monosillabi.
IL NUOVO fenomeno del momento si chiama quindi Ruzzle ma si può anche leggere come «mania» che ha contagiato tutti i possessori di smartphone iPhone e Android.
Il merito del successo va alla società sviluppatrice Interactive Mag, che ha reso un semplice giochino una bomba social. Ruzzle, infatti, permette di sfidare i propri amici di Facebook o Twitter e di condividere i risultati sui social network dando poi origine a commenti, sfottò e analisi degni del più preparato dei bar sport.
La ricetta perfetta per un successo che, di certo, non si arresta qui e che presto vedrà il gioco sbarcare su altri livelli. Non a caso, dopo aver contagiato parecchi vip, Ruzzle ha convinti Gerry Scotti, uno dei conduttori in grado di garantire un audience da record, a studiare un format televisivo che potrebbe anche diventare uno dei tormentoni del momento e chissà che, passando dagli smartphone al grande schermo, Ruzzle non riesca anche a diventare un gioco per consolle. Anche se qui, e non è un particolare di poco conto, sarà necessario tenere conto che il processo di rendere a pagamento un divertimento che sui dispositivi mobili è gratuiti potrebbe essere di difficile digestione da parte degli utenti. Senza dubbio però Ruzzle pare destinato a trovare ampio spazio nei «tempi morti» di milioni di utenti in tutto il mondo: e, non ci sono dubbi, l'azienda che l'ha messo in circolo sembra sulla giusta strada per finire nel mirino di qualche colosso dell'hi tech pronto a investire e implementare la giocabilità di Ruzzle. Con buona pace degli utenti, pronti a sfidarsi senza alcun confine. Sempre che il gioco non finisca presto nel dimenticatoio
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele Bonetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1