Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Internet & Hi-Tech

scegli sezione
Windows 8, sfida in 140 mercati e ben 37 lingue

12.11.2012

Windows 8, sfida in 140 mercati e ben 37 lingue

Nuova sfida Microsoft
Nuova sfida Microsoft

Dopo una lunga attesa tutta americana è scattato il giorno di Windows 8, nuovo sistema operativo scaricabile in più di 140 mercati e 37 lingue presentato a New York dove era atteso come la più grande novità delle ultime settimane del 2012.
PER STEVEN SINOFSKY, presidente della divisione Windows di Microsoft, «è la migliore versione del software mai realizzata, una pietra miliare nell'evoluzione e nella rivoluzione dei computer».
Il tratto principale che lo distingue dai sistemi operativi del passato sta nel fatto di aver modellato il sistema per Pc su quello usato per i dispositivi touch screen dei tablet. E la «rivoluzione» inizia già dal desktop, sul quale la schermata tradizionale con il menù Start è stata sostituita da numerose applicazioni colorate a scacchiera che di fatto rendono il desktop del tutto simile a quello dei tablet e degli smartphone.
L'unica differenza, al momento, il touch screen che ancora non può essere presente sui pc soprattutto per ragioni di comodità di utilizzo da parte dell'utente.
Decisamente interessante anche il prezzo del software che secondo indiscrezioni oscillerà tra i 69,99 dollari e i 139,99 dollari per la versione professional (con alcune promozioni per chi aggiornerà Windows 7).
La casa di Redmond ha poi lanciato anche Surface, primo tablet Microsoft che utilizza il sistema operativo Windows 8 e avrà un prezzo base di 499 dollari. Una cifra decisamente competitiva che potrebbe porre Surface come la più competitiva alternativa ad iPad.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1