Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
L’«oro giallo»
invade
il lungolago

26.11.2015

L’«oro giallo»
invade
il lungolago

Il sindaco Alessio Rinaldi
Il sindaco Alessio Rinaldi

Giuseppe Zani

Marone mette in mostra sabato e domenica non solo il suo «oro giallo», cioè l’olio extravergine d’oliva Dop, ma anche le eccellenze enogastronomiche del suo territorio, in primis la soppressa che aspira a fregiarsi del marchio De.co (Denominazione comunale).

La presentazione della due-giorni maronese in municipio, ha offerto il destro al sindaco Alessio Rinaldi e ai suoi collaboratori di illustrare tutte le iniziative promosse per valorizzare il prodotto principe di Marone, «Città dell’olio» dal 2000: la piantumazione di parecchie centinai di ulivi sia da parte del Comune che da parte degli acquirenti di terreni pubblici messi all’asta; la gestione affidata all’Aipol degli ulivi comunali che si trovano nel parco «Fratelli Rosselli», all’ex villa Vismara, a Ponzano e a Gandane; la messa a disposizione degli olivicoltori di Marone di un’unica tipologia di bottiglia con un’unica etichetta; la realizzazione nell’ex opificio Cittadini di un laboratorio per la produzione di olive da tavola; la promozione della dieta mediterranea nelle scuole; l’allestimento di un sito web dedicato ai sapori di Marone. Quanto alla soppressa tipica di Marone, il sindaco Rinaldi ha annunciato che è stata avviata la procedura per metterla sotto l’egida della De.co.

L’ASSESSORE all’Agricoltura Mauro Zanotti, nel ricordare che nel 2014 le aziende produttrici di olio Dop a Marone erano due, ha riferito che sono quattro le aziende che da quest’anno utilizzeranno la bottiglia e l’etichetta Dop commissionate dal Comune allo studio di grafica del maronese Matteo Bonardi: la Favento, la Ortàl, la «Giancarlo Glisenti» di Vello e il frantoio Vela.

«L’idea di un’unica bottiglia con la stessa etichetta immediatamente riconoscibili è nata nel 2014, un anno terribile per l’extravergine d’oliva: ci siamo posti l’obiettivo di dare una mano ai produttori - ha spiegato l’assessore Zanotti -. Stavolta, per fortuna, anche se la quantità è scarsa, la qualità dell’olio è ottima. Spero che in futuro altre aziende adottino l’etichetta e la bottiglia fornite dal Comune».

Omar Zanotti, a nome dell’associazione organizzatrice, la «Attività economiche maronesi», ha evidenziato che «la formula della rassegna non è cambiata, ma stavolta c’è più attenzione ai bambini e alle famiglie: sono circa 30 le occasioni di svago, compresi i concerti, le mostre e le installazioni artistiche».

Cinquanta, invece, gli espositori che disporranno le loro bancarelle sul lungolago, in via Roma, nell’ex Cittadini e nel giardino dell’ex villa Vismara: quest’area si configurerà come un «villaggio agroalimentare» e proporrà pure l’allestimento «Mestieri in piazza» e il parco di scivoli «Gonfiabilandia». Il mulino storico Panigada, la norcineria Carai e il frantoio Vela apriranno agli avventori e alle visite guidate in entrambi i giorni. Sabato, alle 18, è in programma il convegno dedicato alle olive da tavola e alla soppressa tipica.

Domenica, alle 14,30, un battello, gratuito, offrirà la possibilità di conoscere a Montisola il Museo della pesca e villa Ferrata. Alle 15, a Marone, arriverà il Treno dei sapori. Per tutta la settimana i ristoranti e gli agriturismi serviranno in tavola menù a prezzi promozionali. I bar, invece, accompagneranno gli aperitivi con spuntini all’olio extravergine. «Le nostre eccellenze devono diventare il nostro biglietto da visita - ha sintetizzato Omar Zanotti -. Stiamo valorizzando le piccole cose, che diventeranno le tessere di un grande mosaico. L’obiettivo complessivo è di realizzare un polo agroalimentare nell’ex opificio Cittadini».

Giuseppe Zani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1