Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zaino in spalla

12.04.2018

Ascesa sulla cima del Monte Colt:
l’ultimo strappo dispensa emozioni

Le suggestive creste di Colt
Le suggestive creste di Colt

Continuiamo oggi la descrizione iniziata la scorsa settimana della camminata lungo la cresta del Colodri e del Monte Colt. Raggiunta la stradina in località Giovanelli si prende a destra: a sinistra si tornerebbe direttamente a Santa Maria di Laghel. Il viottolo si fa subito sentiero che corre a sinistra di una recinzione per poi salire nel bosco a zigzag e tornare sul crinale. Tra la vegetazione il visibile panorama delle vicine montagne e della sottostante Valle del Sarca è sempre affascinante. Si passa appena al di sotto di un paio di elevazioni; la prima sormontata da decine di piccoli ometti di pietra che alcuni considerano erroneamente il Monte Colt che si troverà invece più avanti. Una breve discesa nel bosco e si arriva nei pressi d'un traliccio e di un bivio dove si sale a sinistra per una piccola pietraia. Il sentiero prosegue ora sul versante della Valle del Sarca e, con una serie di saliscendi, arriva sul Monte Colt individuato da una scritta in vernice sulla sommità. Magico il panorama che corre dal Monte Biaina al Monte Brento, dalle Dolomiti di Brenta al Bondone, dal Monte Stivo all'Altissimo di Nago, da Cima Capi a Cima d'Oro e Cima Parì sino al lago di Garda. Si scende poi in una accidentata gola da dove si sale a sinistra per alcune roccette sino alla Croce di Colt detta anche Croce di Ceniga che domina l'omonimo paesino. Installata dal 1994 viene illuminata durante il periodo natalizio. Si prosegue a sinistra della croce per un breve traverso su facili roccette e si rientra nel bosco. Qui il sentiero comincia una ripida ed accidentata discesa da affrontare con attenzione. A circa 330 metri di quota l'evidente sentiero prosegue con pendenza più moderata e corre lungo una cengia al di sopra della visibile località Naroncolo. Terminata la cengia con una breve discesa si raggiunge un marcato sentiero, quasi una stradina di fondovalle che a destra raggiunge in pochi minuti Naroncolo. Noi però teniamo la sinistra passando al di sotto delle rocce del Monte Colt. Alcuni sentieri che portano alle vie di arrampicata si staccano sulla destra. Mantenendoci sulla stradina arriviamo al Passo di Laghel da dove, scendendo dall'altro lato, ci immettiamo subito su una stradina asfaltata che prosegue nel vallone sino alla chiesetta di Santa Maria di Laghel da dove eravamo partiti. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1