Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 dicembre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
Assalto al forte del Monte Tombio
per godersi un panorama di pace

11.02.2016

Assalto al forte del Monte Tombio
per godersi un panorama di pace

 La catena  vista dal Forte Tombio
La catena vista dal Forte Tombio

Monte Tombio: salendo da Riva verso il Lago di Tenno si vede, imponente, la sua parete rocciosa, verticale, strapiombante che guarda verso la Valle del Sarca. Dall'altro lato invece la montagna sale con un morbido pendio boscoso su cui corre una vecchia strada militare. L'hanno costruita gli austriaci per arrivare al forte che sorgeva sulla panoramicissima vetta; forte di cui ora restano i ruderi circondati non solo dalla vegetazione ma da trincee, camminamenti, caverne di guerra, posti di guardia. Una interessante visita al forte (che meriterebbe una migliore valorizzazione culturale e turistica) richiede una facile e breve camminata, adatta anche alle famiglie con bambini piccoli. Da Riva del Garda si va per il lago di Tenno. Superato l'abitato di Pranzo si devia a sinistra per Campi. Alle prime case si prende a sinistra per il Centro Sportivo Polivalente dove si parcheggia. Si segue la stradina che subito si fa sterrata e sale accanto a castagneti e faggete diventando dopo qualche tornante vietata al traffico. Si continua la salita nella pineta raggiungendo un antico posto di guardia dove, a sinistra, si trova un poggio erboso dove conviene fare una deviazione. Già qui il panorama è grandioso verso Pichea e il Misone; appena sotto il dosso si notano i resti d'un vero e proprio villaggio militare assalito da muschi e arbusti. Tornati al posto di guardia si percorre la stradina per arrivare subito ad uno slargo dove sorge una baracca per il fieno. Si sale a destra tra prati ed alberi e si raggiungono i vasti prati sulla cima del Monte Tombio che stanno di fronte al forte. Si può girovagare tutt'attorno ai ruderi del baluardo difensivo che dal 1915 al 1918 era lì a dominare il fondovalle in previsione di un eventuale sfondamento italiano. Tuttavia, armato con obici e mitragliatrici, il Forte Tombio non fu mai coinvolto in serie operazioni belliche. Un giro attorno al forte dà anche l'idea di come la posizione sia ben scelta: la vista che si gode dai vari punti, anche se in parte seminascosta dalla vegetazione, è vastissima. Da lassù si ammirano il bacino dell'Alto Garda, il Monte Altissimo di Nago, le aspre forme della Rocchetta. Poi la lunga catena di Pichea sino al Tofino e più su ancora al Cogorna; lo slanciato Monte Misone, il Monte Biaina, il Monte Bondone e lo Stivo.

Il prossimo itinerario sarà pubblicato il 18 febbraio

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1