Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zaino in spalla

22.03.2018

Ciaspole no-problem
nel suggestivo «corridoio»
verso le Malghe Diaga

Le dolomiti  dalle Malghe Diaga
Le dolomiti dalle Malghe Diaga

Una bella ciaspolata tra i boschi e le malghe della Val Rendena dove di neve spesso c'è n'è più che altrove. La meta da raggiungere sono le Malghe Diaga che d'estate sono il punto di partenza per i suggestivi laghetti di San Giuliano mentre in inverno se ne restano solitarie, assopite sotto la bianca coltre a godere dello splendido panorama che offrono tutt'attorno. Una escursione che non presenta particolari difficoltà, ma che richiede un certo allenamento in quanto abbastanza lunga, nonostante il dislivello non eccessivo. Si parte da Caderzone Terme, bel borgo trentino dalle caratteristiche fontane di granito che val la pena di visitare. Entrati in paese si seguono le indicazioni per i Laghi di San Giuliano e, giunti nei pressi della «Casa per ferie», si parcheggia. Si segue la stradina vietata al traffico e si supera un ponte. Si prosegue sulla traccia della strada che sale circondata dal bosco mentre tra gli alberi si intravedono le Dolomiti di Brenta e le montagne del gruppo della Presanella, aperitivi del fantastico paesaggio che ci attende alle malghe. Ai lati della strada principale si staccano ogni tanto stradine secondarie o sentieri innevati segnalati da cartelli e frecce segnaletiche. Ci si tiene sempre sul tracciato principale e si arriva a Baita Baloc, una simpatica costruzione il cui nome non si trova sulla carte topografiche. Si continua con alcuni tornanti seguitando ad ignorare le tante stradine e sentieri laterali (le cui destinazioni sono sempre indicate da frecce) sino ad un bivio a circa quota 1350 dove la traccia principale prosegue a sinistra verso i Laghi di San Giuliano. Una traccia più stretta (freccia per Malga Diaga) si stacca a destra dove ci infiliamo noi. Poco dopo un cartello ci avvisa che stiamo entrando nel Parco Adamello – Brenta. Ancora un ultimo sforzo; in pochi minuti il bosco si dirada e, finalmente, si sbuca nella vasta radura innevata che ospita le numerose costruzioni delle Malghe Diaga, un incantato luogo che ispira pace e tranquillità. Fantastico il panorama: davanti a noi si erge la piramide di Cima Lancia con la lunga cresta che prosegue verso la Presanella. Dall'altro lato della Val Rendena troneggiano le splendide Dolomiti di Brenta tra le quali si riconoscono la Cima Vagliana, il Corno di Flavona, la Pietra Grande, gli Sfulmini, il Crozzon di Brenta, la Cima Tosa, la Cima d'Ambiez. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1