Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zaino in spalla

30.11.2017

Dal Corno Vecchia
una terrazza con vista
sul fiordo del lago di Garda

Il Monte Tregadone  da sud
Il Monte Tregadone da sud

Monte Tregadone, una propaggine meridionale del Monte Traversole che avevamo salito con l'itinerario della scorsa settimana. Le carte Igm ne riportavano il nome nel 1952: oggi, chissà per quale motivo, ne riportano solo la quota. La cima è modesta ma il panorama che si gode dai suoi sentieri è fantastico sull’azzurro del Benaco e le montagne dell’alto lago. Il giro proposto che tocca il nuovo Bivacco dei Cacciatori è suggestivo e adatto a tutti. Punto di partenza il Rifugio Passo Nota. Sino alla sella di quota 1350 si segue l'itinerario descritto la scorsa settimana. Dalla sella si continua sul crinale boscoso e si raggiunge la cima del Monte Tregadone. Si prosegue sul crinale dove la vegetazione più scarsa permette una migliore panoramica e, valicata una anticima si giunge al Bivacco dei Cacciatori. È questo un piccolo ma accogliente ricovero in legno che il proprietario (Gianbattista Martinelli di Limone, telefono 0365954230) mette a disposizione degli appassionati con due posti letti, sedie e tavolo, fornello e caminetto. Pochi metri sotto il bivacco si scende a un'altra selletta dove si lascia a destra un sentierino che scende subito sulla Srada Angelini, la vecchia carrareccia militare che collegava durante la Grande Guerra, Vesio al Passo Nota. Il sentiero ci porta sul versante orientale del Corno Vecchia ed inizia il tratto più bello dell'escursione. Una traversata a mezzacosta con diversi saliscendi con il fiordo del Garda e la lunga catena del Monte Baldo a fare da piacevolissimo sfondo alla nostra camminata. Si arriva ad un pulpito panoramico il sentiero della Limone Mountain Trails e scendiamo in pochi minuti al Passo Roccolo Vecchia, tra la montagna omonima ed il Corno Nero. Il Corno Vecchia deve il suo nome ad un enorme masso sulla sua cresta, visibile dalla sottostante strada, e che pare una vecchia ricurva che sembra voler cadere da un momento all'altro. Dal passo il sentiero sul crinale continuerebbe verso la Punta della Brosa. Noi scendiamo a destra e in pochi minuti raggiungiamo Strada Angelini. Risaliamo la strada militare superando alcune caratteristiche gallerie. Passiamo sotto la sella a 1350 metri tra Monte Traversole e Monte Tregadone, superiamo la Stalla Cerese, passiamo sotto il Cimitero della Grande Guerra e torniamo al Rifugio di Passo Nota. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1