Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 dicembre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
Dall’erboso pendio di Totenrucken
spunta un panorama mozzafiato

19.06.2017

Dall’erboso pendio di Totenrucken
spunta un panorama mozzafiato

La pittoresca chiesetta dei Morti
La pittoresca chiesetta dei Morti

Completiamo questa settimana la descrizione dell'itinerario ad anello che da Reinswald (San Martino) porta alla Totenkirchl (Chiesetta dei Morti), nel cuore dei Monti Santini. Per tornare a Reinswald, dalla piccola chiesetta dal magico panorama seguiamo una freccia che indica per il Lazfonserjoch e saliamo sul largo ed erboso pendio del Totenrucken sul quale il panorama, già fantastico, s'allarga ad ogni passo successivo. Si raggiunge la croce della poco pronunciata vetta (il punto più elevato dell’escursione) e si scende dall'altro lato. Sul crinale le segnalazioni sono abbastanza scarse ed in casi di nebbia è necessario sapersi ben orientare. Si raggiunge una zona di mughi e si prosegue tra questa ed uno steccato in direzione nordest e si arriva alla malga Prackfielderjochl alla sinistra della quale troviamo una freccia che indica per Reinswald. Attraversiamo in piano un prato e dall'atro lato ritroviamo il sentiero e le segnalazioni. Il sentiero scende ripido circondato dai mughi che sprigionano balsamiche essenze ch solleticano le narici. A circa quota 2000 si incontra uno steccato e la prima di una serie di santelle della Via Crucis. Si continua la discesa incontrando a circa 1775 metri di quota un bivio dove a sinistra lasciamo un sentiero che torna alla Totenkirchl. Valichiamo il torrente Knappen e si prosegue su una stradina dapprima erbosa e poi ghiaiosa sino a raggiungere il fondo della Getrumtal. Qui l'ennesimo bivio dove lasciamo a destra le indicazioni e la stradina per la Getrumalm e proseguiamo nella discesa superando più sotto il torrente Getrumbach. Ci ritroviamo ora sulla sua riva destra. La stradina prosegue tranquilla tra lo spumeggiare delle acqua e il rigoglioso bosco. Su un ponticello si supera un affluente del Getrumtal; su un altro ponte valichiamo nuovamente il Getrumbach raggiungendo un bivio dove le indicazioni segnalanao per Reinswald 30 minuti, sia a destra che a sinistra.

Teniamo la sinistra, proseguiamo su una passerella e arriviamo al Reinswalder Muhle dove si trova un punto di ristoro ed un caratteristico vecchio mulino. Subito sotto, tanto per cambiare, un altro bivio. Tenendo la destra si supera il torrente, al bivio successivo si tiene la destra e, in salita, si giunge nuovamente al piazzale della funivia e alla chiesa di Reinswald da dove eravamo partiti.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1