Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
Di slancio fra selvaggi luoghi innevati
per affacciarsi dalla Punta dell’Auccia

03.03.2016

Di slancio fra selvaggi luoghi innevati
per affacciarsi dalla Punta dell’Auccia

Sulla vetta di  Punta dell'Auccia
Sulla vetta di Punta dell'Auccia

Una bella galoppata in mezzo alla neve, con gli sci o con le ciaspole, per salire da Campolaro alla Punta dell'Auccia, splendida piccola piramide nel massiccio delle Tre Valli Bresciane. L'itinerario si snoda in un selvaggio e suggestivo ambiente ed è piuttosto lungo. I tempi indicati per la salita sono pressochè uguali sia per gli scialpinisti che per i ciaspolatori. In discesa ovviamente gli scialpinisti sono avvantaggiati. Si parte da Campolaro, raggiunto con la strada che da Breno sale al Crocedomini. Si prosegue tra le case e, a circa quota 1450, si parcheggia, poco prima d'un bivio. Si prende la stradina di destra (freccia per Baita Fontaneto), si scende in riva al torrente, si attraversa il ponte e si continua sulla stradina. Superato un ponticello in legno, si attraversano alcuni prati nei pressi d'una villetta, si attraversa un canale e, al bivio, si prende a sinistra (a destra si raggiunge la Baita Fontaneto). Raggiunta Malga Travignolo 1485 metri ci si porta sul versante di Val Travagnolo passando accanto ad un traliccio e si prosegue verso Est e poi scendendo a destra (ovest) sino a costeggiare il tortente sino al Ponte dei Signori, punto più basso dell'itinerario. Superato il ponte si sale per i pendii del Dosso Figarolo seguendo la traccia della stradina estiva per poi deviare a sinistra e raggiungere Malga Valdaione. Da qui inizia il tratto più suggestivo. Si risale la sinistra idrografica della Valdaione. Si passa sulla destra idrografica e si sale quindi al Casinone di Valdaione. Si continua e si raggiunge una sella tra la quota 2061 metri e la Punta dell'Auccia ora ben visibile con la grande croce che troneggia sulla vetta. Si punta verso Est-sudest sino ai piedi della piramide sommitale e si sale l'ultimo breve ma ripido pendio. Il panorama offerto dalla Punta dell'Auccia è uno dei più belli delle Prealpi Bresciane con lo sguardo che spazia dall'Adamello al Bernina, dalle centinaia di cime delle Orobie sino ai Monti del Garda. Si torna per il percorso compiuto nell’ascesa. Volendo compiere una bella traversata si può dalla Punta dell'Auccia scendere alla Sella dell'Auccia dove transita la strada che in estate collega il Crocedomini al Giogo del Maniva e raggiungere quest'ultimo senza difficoltà. In questo caso è necessario disporre di un mezzo per il rientro.

Il prossimo itinerario sarà

pubblicato il 10 marzo

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1