Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 dicembre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
La profonda forra della Valle del Tovo
ultimo ostacolo verso monte Biaina

27.04.2017

La profonda forra della Valle del Tovo
ultimo ostacolo verso monte Biaina

Il Monte Misone dal Biaina
Il Monte Misone dal Biaina

Monte Biaina: un modesto tondeggiante dosso, propaggine sudoccidentale del Monte Brento, che offre una tranquilla passeggiata nei boschi, alla portata di tutti. Una camminata che si conclude alla croce da dove si gode uno dei panorami più succulenti dell’Alto Garda.

Dall’azzurro del fiordo del Benaco si elevano le scogliere dolomitiche della Rocchetta che domina l’abitato di Riva, mentre lo sguardo riconosce la Cima Capi, le erbose Cima d’Oro e Cima Parì, la Mazza di Pichea, il maestoso Monte Cadria, i ghiacciai dell’Adamello, la Cima Sera, il vicino Monte Misone, le Dolomiti di Brenta, il Bondone e lo Stivo, il Monte Altissimo e il Monte Baldo, la Valle del Sarca.

Punto di partenza è il Rifugio Malga San Giovanni. Da Varignano, frazione di Arco, si prende la inizialmente strettissima strada per San Giovanni al Monte e, superata la zona di arrampicata della Mandrea, la si segue sino al piccolo parcheggio appena prima del rifugio e della chiesetta. Seguendo la strada si arriva in località Marcarie dove si lascia a destra la stradina per il Rifugio Calino e, lungo la strada sterrata di sinistra, ci si porta sul versante della Val di Lomasone raggiungendo i Prai da Gom, non segnati sulle carte (qui si potrebbe arrivare in auto).

Si abbandona la stradina e si prende a sinistra (frecce) un largo sentiero, quasi una stradina, che si inoltra nel bosco di rigogliosi faggi. Il sentiero sale con una serie di curve, passa sul versante di Arco, continua all’incirca sul crinale. Si arriva ad una sella boscosa dove il sentiero sale ora più stretto sull’altro lato della sella. Dove il bosco si dirada splendida è la vista sul fiume Sarca dominato dal Monte Stivo. Con una serie di saliscendi si arriva alla base di una parete rocciosa, si continua nel bosco e, superati alcuni affioramenti rocciosi si arriva ad un’altra se.

Un dolce prato dove si nota una torretta-osservatorio scende alla nostra sinistra; raggiunta la parte sudoccidentale della sella riprende il crinale offrendoci diverse belle vedute del Monte Misone e della profonda forra della Valle del Tovo. Si superano una serie di gobbe e si sale con un ultimo sforzo alla vetta del Monte Biaina a godere meritatamente del panorama descritto. Si torna sul medesimo itinerario di salita.(Prossimo itinerario giovedì 5 maggio)

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1