Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
La salita alla cresta del Dosso Alto
è un «brivido» per alpinisti esperti

12.01.2017

La salita alla cresta del Dosso Alto
è un «brivido» per alpinisti esperti

La cresta del Dosso Alto
La cresta del Dosso Alto

L'hanno chiesta numerosi lettori la cresta nord-nordovest del Dosso Alto. Li accontentiamo anche se l'itinerario l'ho già descritto in alcuni libri. È un itinerario, impegnativo, panoramico ed aereo, per alpinisti esperti con corda, piccozza e ramponi, uno dei più belli dalle montagne della Valle Trompia.

Dal Giogo del Maniva si sale subito a sud-sudest sul pendio inizialmente non troppo ripido. Facendo attenzione alle cornici che si formano specialmente a destra si continua, lungo la cresta in alcuni tratti larga e pianeggiante, in altri stretta e piuttosto ripida. Si superano brevi salti successivi mentre ad ogni passo il giro d'orizzonte s'allarga sempre più. Si valicano un paio di gobbe e si mette piede sulla anticima nord del Dosso Alto, dominata dalle belle pareti sommitali della sorella maggiore, la cima vera, su cui s'erge contro il cielo la croce del Gruppo escursionisti Uberti di Collebeato. Dall'anticima si continua sulla cresta e si scende tra la cima e l'anticima dove arriva anche il grande canalone del versante ovest. Questa sella viene chiamata da alcuni anni Sella Battaini per ricordare (anche con una targa posta su una roccia) la figura della guida alpina morta nel 1991 durante una esercitazione del soccorso alpino.

Si va ai piedi di alcune roccette che presentano passaggi di primo grado. Si sale su un primo spigolo per proseguire poi verso destra su una crestina rocciosa dove affiorano tra la neve piante di mughi. Si arriva ai piedi della parete sommitale sotto la già visibile croce. Per un ultimo pendio di neve si sbuca sulla cresta est del Dosso Alto: poche decine di metri a destra e ci si trova sulla cima.

La discesa porta al Passo del Dosso Alto, ma va affrontata con condizioni di neve sicure perchè la sottostante strada è soggetta ad elevato rischio di valanghe. Alternativa è effettuare la discesa dallo stesso itinerario di salita (in tal caso prevedere la possibilità di alcune calate in corda doppia). Per il Passo del Dosso Alto dalla cima si scende lungo la cresta sudovest che presenta anch'essa alcuni brevi tratti ripidi da affrontare con attenzione e si arriva al valico. Si segue la traccia della strada: a seconda della quantità di neve può risultare facile oppure molto impegnativa (traversate su neve dura a mezzacosta) e si torna al Giogo del Maniva.(Prossimo itinerario giovedì 19)

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1