Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 ottobre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Week End

scegli sezione
Un tour fra laghetti, torrenti e boschi
per scoprire la «valle dello speck»

01.06.2017

Un tour fra laghetti, torrenti e boschi
per scoprire la «valle dello speck»

Nei boschi della Val Sarentino
Nei boschi della Val Sarentino

Reinswald, San Martino: uno dei più interessanti paesini dei Monti Sarentini, quella catena di montagne, modeste ma panoramiche, che si stende attorno all'omonima vallata, la Sarntal, a Nord di Bolzano. La «valle dello speck» la chiama qualcuno, per la particolare bontà del prodotto che si fa da queste parti. Reinswald è anche punto di partenza di numerosi itinerari escursionistici che ci portano alla scoperta di questo mondo. Alcuni li abbiamo già descritti in precedenti puntate di Zaino in spalla. Oggi proponiamo un lungo e facile itinerario ad anello tra boschi, torrenti, laghetti, chiesette alla portata di tutti; basta un poco di allenamento. Lo descriveremo in più puntate per motivi di spazio e per la complessità del percorso, comunque molto ben segnalato. Si parte del centro del paesino, dai pressi della chiesa dove si trova anche la partenza della funivia ed un parcheggio. In fianco alla chiesa si prende una stradina in discesa (frecce per Totenkirchl e Walrast) che, tra case e bosco, arriva ad un ponte sul Getrumbach a quota 1450. Lo si attraversa e si prosegue al successivo bivio a destra su strada sterrata. Arrivati ad un altro bivio lasciamo a destra le indicazioni per Walrast per salire nel ripido bosco dove, altro bivio, prendiamo a destra una strada più stretta. Tutti i bivi sono ben segnalati da frecce. Abbandoniamo per un tratto la stradina in favore di una scorciatoia che supera uno steccato e ci rideposita sulla stradina. Arrivati ad un tornante destrorso, prima d'una costruzione in legno, si prende a destra un sentiero (segnalazioni) con cui si supera un cancello, si passa sotto alla costruzione in legno e si esce dal bosco. Magici appaiono ai nostri occhi i profili del Monte Villandro, il Villanderberg dei tedeschi. A destra della costruzione (Geschwendalm) il sentiero prosegue lungo i pendii del Monte del Lago. Si sale tra i prati superando il cancello d'un altro steccato e si continua a sinistra di una grossa pietraia. Si incrocia una strada sterrata che a destra scende a Walrast ed a Sarentino. Attraversata la strada il sentiero continua (frecce per Rubner Seeberg e Totenkirchl). Più avanti si lascia a destra un altro sentiero per Waldrast e si sale alla Seebergscharte (Forcella del Monte del Lago) ai piedi delle rocce del Monte Villandro. La descrizione prosegue la prossima settimana.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1