Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2017

Interviste

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

18.08.2017

Interviste

«Il Napoli più vicino alla Juve
Pochi bresciani in Serie A?
Il Brescia non ha più il vivaio»

Gigi Maifredi, 70 anni: ha allenato Ospitaletto, Bologna e Juve
Gigi Maifredi, 70 anni: ha allenato Ospitaletto, Bologna e Juve

Gigi Maifredi, come tutti gli appassionati, attende con curiosità l’avvio della Serie A, che parte domani alle 18 con Juventus-Cagliari.

Maifredi, si può iniziare?

Iniziamo pure.

Subito diretti: chi vince lo scudetto?

La Juventus stavolta è «solo» favorita, non ha più il rafforzativo «stra».

Come mai?

Il Napoli gli si è avvicinato ulteriormente, è a mezza incollatura.

Ma Sarri ha la stessa squadra dell’anno scorso.

D’accordo, ma rispetto a un anno fa ha una sana consapevolezza della propria forza. E questo può accorciare le distanze. Certo, la Juventus, per me, rimane la prima candidata a conquistare il titolo.

I motivi?

Intanto ha una società forte e seria alle spalle. E l’organico è di prim’ordine, nonostante due perdite non da poco.

Già, Dani Alves e Bonucci.

Appunto. La Juventus ha un solo modo per assorbirle al meglio.

Quale?

Partire bene, altrimenti diventa dura.

E dietro Juventus e Napoli?

Direi le milanesi, per me quest’anno ci guadagnano.

Cioè faranno meglio?

Sicuro.

Non ci vuole molto, soprattutto se si parla dell’Inter.

L’Inter ha preso un allenatore di valore. Spalletti è uno che davvero sa fare giocare a calcio le sue squadre, ma per essere da scudetto mancano ancora due giocatori di caratura.

E il Milan?

Il discorso è diverso. La nuova proprietà ha fatto una vera e propria rivoluzione, ha preso gente di valore assoluto come Bonucci o giovani interessantissimi come Kessie, Conti e Andrè Silva. Importante anche la conferma di Donnarumma.

Montella è un ottimo assemblatore. Questo Milan può essere da scudetto?

Sì, ma a un patto: deve prendere un centravanti di peso.

Un nome?

Con Belotti sarebbe una autorevole candidata a succedere alla Juventus. Ma così com’è è già da zona Champions. E lo è anche l’Inter.

Non ha citato la Roma, lo scorso anno arrivata seconda, a soli 4 punti dalla Juventus.

Non l’ho citata perchè per me ha perso molto e farà fatica. Salah davanti faceva la differenza e giovava anche a Dzeko. E poi Rudiger in difesa: partenze che non possono non pesare.

Non si fida di Di Francesco?

A questi livelli deve ancora dimostrare tutto. Un conto è allenare il Sassuolo, dove aveva pure buoni giocatori, un altro la Roma che è una piazza difficile e per migliorare devi solo vincere.

Chi sarà la rivelazione?

La Sampdoria, anche se senza Muriel è più debole. Ma Giampaolo è un signor allenatore, se migliora ulteriormente può aspirare a una grande.

Perchè ci sono così pochi bresciani in Serie A?

Semplice: ma avete visto come è ridotto il settore giovanile del Brescia? Se penso a com’era con Corioni... Una delle scelte più importanti che dovrà fare Cellino è il responsabile del vivaio. E spero sia bresciano: in quel ruolo è fondamentale conoscere il territorio.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Brescia ha richiamato Boscaglia: tu chi avresti scelto?
ok

Cultura