Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

06.06.2018

Il ministro degli Interni
non fa «campagna»

La Leonessa
La Leonessa

Per venerdì, giorno di chiusura della campagna elettorale a Brescia, Matteo Salvini ha annunciato la sua presenza in città per un comizio in piazza Mercato a sostegno della candidata di centrodestra Paola Vilardi. Salvini, però, non è solo il leader della Lega ma anche il nuovo ministro degli Interni e che possa sovrapporre i due ruoli è una cosa francamente discutibile. Per le sue funzioni il titolare del Viminale è il primo e più importante garante del corretto svolgimento di ogni tornata elettorale. Deve vigilare sul rispetto delle regole, sulla correttezza delle procedure ai seggi e sulla trasparenza delle operazioni di spoglio. In una parola: non può scendere in campo, non può «tifare», almeno pubblicamente, soprattutto a sole 48 ore dalle urne. Di Maio ha detto due giorni fa: lo Stato siamo noi. Sbagliato: sono solo il Governo. E le regole valgono per tutti, primo fra tutti per il ministro degli Interni.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1