Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 settembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

23.05.2018

L’autovelox si ferma
la burocrazia va di corsa

La Leonessa
La Leonessa

È il fantasma non esorcizzabile della burocrazia il nemico numero uno delle buone prassi; il punto di caduta che riesce sempre a vanificare gli sforzi per il cambiamento. Come in un testo kafkiano, strane regole e circonvoluzioni gerarchiche riescono nell’impossibile; anche nel compito arduo di impedire che su una strada urbana scambiata per un circuito si possa sfrecciare a 180 chilometri orari (velocità certificata). Succede a Villa Carcina; succede perché per effetto del declassamento della provinciale (già statale) che attraversa il paese, l’autovelox che l’anno scorso ha immortalato oltre 400 rallysti non autorizzati può funzionare, dice la Prefettura, solo in presenza di agenti della polizia locale. Che naturalmente non bastano. Così il radar è stato spento, le multe sono finite e gli incidenti si sono moltiplicati. Correte pure: la cattiva politica non conosce limiti di velocità.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1