18 gennaio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

30.07.2018

La carta d'identità
e i giochi di potere

La Leonessa
La Leonessa

Dopo la nostra inchiesta sull'età media di consiglieri e amministratori delle società controllate o partecipate dalla Loggia, è opportuno fare un pò di chiarezza. La prima: essere anziani non significa essere anche degli incapaci; la seconda: essere giovani non presuppone di per sè capacità assolute. L'esperienza molto spesso risulta più utile della stessa genialità. E dunque chi dimostra le proprie capacità è giusto che le metta a disposizione della città indipendentemente dalla carta di identità. Detto questo è giusto chiedersi, anche con una certa preoccupazione, come sia possibile che la nostra città non produca eccellenze da utilizzare nell'amministrazione pubblica che non abbiano un'età compresa fra i sessanta e i settant'anni. A meno che in nome di qualche intreccio di potere si faccia finta di non «notare» giovani in grado di portare qualcosa di nuovo in città . Se così fosse sarebbe molto, molto grave.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Caro Lavini tante parole
ma la figuraccia rimane
L’aeroporto rimane
un brutto anatroccolo
Remare contro?
«No è la stampa, bellezza»
Il rispetto vale soltanto
dagli spalti al campo?
Presunto terrorista?
No, un cuore d'oro
Targhe estere sul Garda
fra tedeschi veri e finti
Se l'agente usa la branda
deve pagare il conto
Quel water abbandonato
è il ritratto degli incivili
Lotteria Italia, l’ultima
speranza è... vana
Quando i cantieri sono
più lenti di un bradipo
Gli annusatori di puzze
nella nuova preistoria
Quei botti proibiti
che proibiti non sono
I ministri «illusionisti»
non fermeranno la Tav
Volontariato tassato
Un voto a occhi chiusi
Per la visita oculistica
ripassi nel 2020...
Tasse evase tra furbetti
ed esattori «distratti»
Gli impianti sportivi?
Fanno sempre acqua
Batterio della polmonite:
largo a Sherlock Holmes
Forza Nuova va a Salò
cantando «Allarmi!»
Quei ciclisti senza sella
nelle piazze dei divieti
Christo! Non è bastato
nemmeno un ponte
Il «mito» del treno è
su un binario morto
Ma si potrà sfidare CR7
nello stadio-rudere?
Turismo sul Garda:
fai da te o in «nero»?
La maledizione del Tar
paralizza la Valtrompia
Crisi Germani: resta
solo l'effetto PalaLeonessa
Se il Bigio toglie il posto
al povero Gambara
L'angolo dimenticato
nel cuore di Brescia
Ma è così difficile costruire
un dormitorio per poveri?
Quartieri: mancano solo
gli osservatori dell'Onu
Interessano a nessuno
Però, fanno litigare..
Un carneade bresciano
alle primarie dei «Dem»
Desenzano, la panchina
è rossa... di vergogna
Se negli asili nido torna
la paura dell'uomo nero
Brescia Musei: non
serve ascoltare sirene
Se tutto il Brescia
finisce fuori strada
La raccomandazione
del Papa? Non basta più
Il «graffio» di Romele
turba Montecitorio
Un fiorino per il ponte
sul fossato del castello
Invatec, milioni di utile
per chiudere le fabbriche
I vessilli fascisti e nazisti
e il silenzio della Loggia
La crisi della Bialetti?
Tutta colpa di George...
«Stiamo valutando»
Intanto il rischio cresce
Toninelli e Fontana
alla fermata del treno
Brescia città d'arte?
Sì, ma senza esagerare
Le accuse alla stampa
e la verità dei cittadini
La foto col Kalashnikov
e il Festival della Pace
I «sabotatori» del bello
sulla ciclabile di Limone
Il ponte dimezzato
e i «furbetti» del divieto
Gli «007» della puzza
nel paese delle marmitte
Quale fuoco cova
sotto la cenere?
Fontana si vergognò
ma Trenord resta nel caos
Maltempo, tutto o niente
sotto controllo?
Qualcuno liberi il calcio
da Tar e Consigli di Stato
C'è chi pensa ad Alitalia
e chi perde coincidenze
I manipoli di Predappio?
Iscrizioni in Municipio
Fa più male la droga
o un burocrate zelante?
Il Bigio e la politica
del non decidere
L'opposizione?
Un post su Facebook
Mameli in Consiglio
sos retorica in Comune
Aeroporto D'Annunzio
vent'anni di solitudine
Un infarto a Desenzano
tra i passanti indifferenti
Brescia ha fame
di cultura: saziatela...
La ballata del quartiere
ormai abbandonato
Phileas Fogg più veloce
del Bigio e della Loggia
Coccaglio ha inventato
il basket senza canestri
Bertè, se il firmacopie
è una caccia al tesoro
Caso Bozzoli, tre anni
e il diritto alla verità
E se dopo i «videini»
arrivasse il «reality»?
Cercare droga è giusto
sistemare le aule anche
Pensiline della metro
i tempi non tornano
Paladino in metrobus:
una storia ingarbugliata
Adani, memoria corta
e omissioni di comodo
Biblioteca fantasma
come l'assessore
Forza Italia in Loggia
come la Pazzaglia family
Ambiente, discariche
e sindaci double face
Le avanguardie dandy
col maiale al guinzaglio
Fotografia, per favore
non chiamatelo festival
E la discarica
scarica i cittadini
Bazoli presidente di Fbm
Il M5S lo scopre dal Fatto
L’inarrestabile Cellino
ha licenziato se stesso
Quando resta
soltanto lo sballo
Tacchetti? No, il Brescia
vince solo con il tacco 12
Una vita salvata è come
una vita che rinasce
Quel «patto d'acciaio»
per la trota del Garda
Dall’allarme polmonite
all’emergenza baccalà
Il Garibaldi «sfrattato»
e il sindaco di una volta
Toninelli e il coraggio
delle «indecisioni»
Brescia è la «Waterloo»
delle battaglie del M5S
Chi mi cura i «videini»?
La badante digitale
Ghiacciai senza sponsor
Il Presena esce di scena
Brescia Musei si mette
in difesa e pensa ai tetti
E-mail super certificate
e piccioni viaggiatori
Unica certezza estiva:
il caos delle nomine
Le macerie delle cascine
seppelliscono una civiltà
Bene, bravi, ma dovevate
aspettare Bresciaoggi?
Treni puntuali?
Promettere è gratis...
Quanto è difficile contare
i visitatori dei musei...
Salire sul carro olimpico
tentazione irresistibile
Province nel limbo:
problemi sì, soldi no