Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 settembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

06.07.2018

Politicamente scorretti
ma attenti al portafogli

La Leonessa
La Leonessa

Lo sappiamo: il politically correct non va di moda. Eneppure il buonismo. Essere corretti e buoni è diventata cosa di cui vergognarsi. Ma anche la scorrettezza più glamour, alla Sgarbi, ha il suo rovescio grottesco: i politicamente scorretti loro malgrado. Quelli cioè che qualsiasi cosa dicano, o la sbagliano o non sanno di averla detta. Prendiamo il consigliere di Fratelli d’Italia, Gianfranco Acri. Alla primadel Consigliocomunale ha detto che non voleva più vedere «cose colorate in città». Siccome stava parlando di immigrati tuttihannopensatoastranieri di colore. Macchè. Ieri Acri ha chiarito attraverso il sito BsNews: mai - ha assicurato - sputerei nel piatto in cui mangio, io faccio il medico e con i pazienti immigrati ci campo. Di chi parlava allora Acri?Madei gay e dei loro variopinti pride, ovviamente! Già, che stupidi che siamo: era così evidente... Si vede che i pazienti gay li visita gratis.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1