Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
12 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

04.07.2018

«Quelle cose colorate»
che non fanno ridere

La Leonessa
La Leonessa

Ogni giorno che passa scopriamo che l’asticella del cattivo gusto in politica si è spostata un po’ più su. E il consiglio comunale di Brescia non sfugge alla regola. Qualcuno attribuisce la tendenza ai tempi, alla cultura dei nostri giorni. Se tutto diventa più zotico e volgare, come può la politica restarne immune? Già. Ed è pure pedante evocare i duelli retorici, la dialettica elegante degli emicicli che furono. I Calamandrei, i Berlinguer, i Moro...! Troppo facile: nessuno era cresciuto a bastoncini di pesce e De Filippi. L’anno scorso in Consiglio comunale era stato sdoganato l’organo genitale femminile. A qualcuno in aula l’intercalare era sfuggito, ma non a tutti. Alla fine comunque era scoppiata la risata. Nonhafatto ridere nessuno invece il consigliere di Fratelli d’Italia, Acri. Non bastandogli Salvini, sugli immigrati ha detto di non voler vedere a Brescia «quelle cose colorate lì in giro». Alla prossima.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1