Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Pentole, forchette e...

15.06.2018

Gamberi piccanti
con couscous

Arriva il caldo e cambia il modo di mangiare. La tradizione italiana offre molte preparazioni estive ma è bello curiosare in altre culture che ci permettono di rendere più fantasiosa la nostra tavola. Cominciamo col couscous, per altro molto usato nelle zone della Sicilia che guardano l’Africa. Le dosi sono per 4 persone

Fatevi sgusciare dal pescivendolo 700g di gamberoni e privateli del budello terroso. Portate a ebollizione 1 litro d’acqua in cui avrete versato 2 cucchiai di brodo granulare di pesce. L’ideale comunque sarebbe fare 1 litro di fumetto. Ne abbiamo già trattato ma ricordo che potete farlo bollendo per 30\40 minuti in 1 litro d’acqua le teste dei gamberi, 1 costa di sedano, ½ cipolla, 1 rametto di prezzemolo, 1 foglia d’alloro e 1\2 chiodi di garofano. Filtrate schiacciando bene le parti solide. Aggiungete al liquido in ebollizione 2 cipollotti e 1 costa di sedano tagliati a pezzetti, ½ cucchiaino di coriandolo  e ½ di cumino in polvere, 1 cucchiaio di Harissa (la trovate nei reparti etnici dei supermercati)  e 1 di concentrato di pomodoro diluiti con poca acqua. Fate bollire per ¼ d’ora. Nella ciotola da portata, preparate 150g di couscous precotto (non me ne vogliano i puristi!) versandovi sopra 1 litro d’acqua bollente salta cui avrete aggiunto 2 cucchiai d’olio. Lasciatelo gonfiare per 20 minuti e poi sgranatelo con una forchetta. Tuffate i gamberi nel brodo bollente e fateli cuocere per 4 minuti. Tirateli fuori col mestolo forato e deponeteli sul couscous assieme a 3 pomodori perini pelati, privati dei semi e tagliati a dadini. Bagnate con un po’ del brodo di pesce, guarnite con fette di limone e servite portando in zuppiera il brodo avanzato.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1