lunedì, 11 dicembre 2017
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.03.2010

Carte di credito, Beccalossi furiosa
«Se qualcuno ha sbagliato, pagherà»

L’onorevole Viviana Beccalossi
L’onorevole Viviana Beccalossi

Brescia. Viviana Beccalossi non ha gradito. E, com'è nel suo stile, non ha fatto finta di niente. La coordinatrice provinciale del Pdl domenica mattina ha letto i giornali, che le hanno mandato di traverso la colazione, nel pomeriggio ha «evitato di disturbare il sindaco Adriano Paroli nella sua prima domenica da neo-papà», come ha riferito, ma ieri mattina è uscita dal guscio: ha chiesto un incontro urgente al primo cittadino, e si è fatta sentire. Perchè a due settimane dalle elezioni - non bastassero i problemi legati alla presentazione delle liste a Milano e a Roma, e le relative polemiche - di tutto aveva bisogno il Pdl bresciano, meno che di farsi coinvolgere nel caso delle carte di credito del Comune che, secondo l'opposizione, alcuni assessori avrebbero usato con troppa disinvoltura.
A puntare il dito, snocciolando gli estratti conto, è stato il Pd: le spese di rappresentanza effettuate dagli assessori sono tutte documentate, ma non tutte appaiono giustificate, hanno sostenuto il capogruppo Emilio Del Bono, i consiglieri Federico Manzoni, Fabio Capra, Aldo Rebecchi, Luigi Gaffurini e Alberto Martinuz e il segretario cittadino Giorgio De Martin, citando come casi limite le 7 cene di rappresentanza effettuate dall'assessore Giorgio Maione di sabato sera (una addirittura il giorno di Santo Stefano, per un totale di 49 coperti) e la cena per 10 persone pagata dall'assessore Udc Nicola Orto, sempre di sabato sera. Non solo: il confronto con il passato dice di 7.200 euro spesi in 3 anni e mezzo dagli assessori della Giunta Corsini contro i 49.000 euro spesi in 18 mesi dalla Giunta Paroli.
«COME COORDINATRICE provinciale del Pdl sono seriamente preoccupata per questa vicenda - ha ammesso con grande sincerità Viviana Beccalossi al termine dell'incontro con Paroli -. Il sindaco si era già impegnato a fare chiarezza sui giornali e mi ha ribadito che riuscirà a dimostrare che tutte le spese sostenute dai suoi assessori sono giustificate. Io ho preso atto e mi auguro che sia così. Ma ho detto a Paroli che chiarezza deve essere fatta presto, anzi subito, sia nei confronti dei cittadini sia del Pdl. E che se dovessero emergere errori o leggerezze, bisognerà intervenire: chi sbaglia, paga senza 'se' e senza 'ma' sia in termini politici sia in termini istituzionali. Soprattutto in un periodo di crisi 100 milioni di vecchie lire in spese di rappresentanza mi paiono un'enormità. Perchè sono soldi di tutti. Se anche la Giunta Corsini dovesse aver speso tanto, come dice qualcuno, questo non sarebbe comunque un alibi - ha ammonito Beccalossi -: chi gestisce il bene comune e le risorse pubbliche deve pensarci non una, ma cento volte prima di effettuare qualsiasi spesa».
Di fronte alle obiezioni il sindaco ha ribadito di essere «tranquillo», ha riferito la coordinatrice provinciale del Pdl auspicando che «anche i casi limite possano trovare una giustificazione», tanto da dire che «se Maione ha offerto la cena a 26 persone nell'interesse del Comune, ha fatto bene». Certo, d'ora in poi servirà maggiore attenzione: «Il limite di spesa di 1.000 euro all'anno imposto dal presidente Daniele Molgora ad ogni assessore della Provincia mi sembra una buona soluzione, perchè la politica deve dare esempio di sobrietà. Personalmente, però, sarei ancora più drastica - ha rivelato Viviana Beccalossi -. Dipendesse da me, non solo sospenderei pranzi e cene, ma ritirerei subito tutte le carte di credito».
Severo anche il capogruppo della Lega Nord Nicola Gallizioli che, dopo aver elogiato la parsimonia degli assessori leghisti, si è detto stanco di «dover fare straordinarie per difendere l'assessore Orto» e ha dichiarato che «con questo utilizzo delle carte di credito l'assessore Maione rischia di vanificare il buon lavoro svolto nel settore dei Servizi sociali».

Marco Bencivenga
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Autostrada della Valtrompia: opera strategica o spesa inutile?
ok

Sondaggio

Dal primo gennaio 2018 anche in Italia sarà possibile mangiare insetti: cosa ne pensi?
ok

Sport