Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 dicembre 2018

Cultura

Chiudi

08.03.2018

Assalti rivoluzionari al teatro Grande: successo delle lezioni

È stata una serie seguitissima, quella delle Lezioni di Storia al Teatro Grande: una serie di appuntamenti del sabato mattina che ha visto la sala sempre affollata per ognuno dei sei incontri, realizzati dalla Fondazione del Teatro Grande in collaborazione con l’Editore Laterza. Sicuramente l’interesse suscitato si deve anche per il tema scelto, quello delle Rivoluzioni a partire da quella francese del 1789 illustrata da Luigi Mascilli Migliorini alla cosiddetta Rivoluzione Democratica del 1989 con Valentine Lomellini, che ci ha portato praticamente ai giorni nostri e ai problemi che ci troviamo ad affrontare nell’epoca attuale. Vincente la formula dei contributi dell’attrice Elena Vanni come premessa per ognuno dei temi poi affrontati dai relatori, in poco più di un’ora e con il tempo per le domande del pubblico, che non sono mai mancate come conclusione. Siamo sicuri che i partecipanti abbiano gradito i percorsi che riguardano da vicino la nostra storia, come quello di Alberto Banti per il 1848 e la cosiddetta Rivoluzione patriottica, quello di Angelo D’Orsi per la Rivoluzione Russa e di Emilio Gentile per la Rivoluzione Fascista, fino al 1968 e alla rivoluzione dei costumi con Marcello Flores. SEI BRAVISSIMI docenti universitari hanno affascinato un pubblico composto in particolare da studenti - ma non solo - provocando positive riflessioni e invitando, perché no, a leggere qualche libro in più sugli argomenti trattati. Queste conferenze non avevano certo la pretesa di essere esaustive, ma offrivano spunti di approfondimento e chiarivano alcuni punti importanti delle questioni trattata, magari non così evidenti in altre analisi. I pareri raccolti unanimemente chiedono che questa preziosa esperienza si possa ripetere anche nel prossimo futuro. •

L.FERT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok