Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Croce e il «corpo
ingombrante»
tra realtà e feticci

Luigi Croce: stasera a Rovato (BATCH)

Ormai prossimo al capolinea di questa dodicesima edizione declinata attorno alla parola chiave «Toccare», il viaggio culturale del festival «Filosofi lungo l’Oglio» stasera fa scalo a Rovato, dove ospite alle 21.15 nel palazzo municipale (sala del pianoforte) sarà protagonista Luigi Croce con la lectio magistralis «Toccare tra realtà e feticci: il corpo ingombrante».

MEDICO chirurgo specialista in psichiatria e psicoterapia, Croce è presidente del comitato scientifico di Anffas nazionale e professore di neuropsichiatria infantile all’Università Cattolica di Brescia e di Milano e ha al suo attivo numerose comunicazioni a convegni, seminari, corsi di aggiornamento per personale sanitario e insegnanti curricolari e di sostegno, nazionali e internazionali, oltre a svolgere attività clinica, consulenza, formazione e ricerca nel campo della qualità di vita di persone con disabilità intellettive e dello sviluppo. Nel giugno 2011 gli è stato conferito, a Minneapolis, il prestigioso Premio internazionale nel campo delle disabilità intellettive ed evolutive promosso dall’American Association on Intellectual and Developmental Disabilities.

L’appuntamento con la rassegna diretta da Francesca Nodari si rinnoverà quindi domani, in provincia di Cremona: a Soncino alle 21.15 nella chiesa Santa Maria delle Grazie Maria la lectio magistralis di Tilde Bettetini sarà intitolata «Del tatto». Professoressa di Storia della filosofia allo Iulm di Milano, traduttrice e curatrice di diverse opere di Agostino, Tilde Bettetini si è occupata di estetica della visione e ha indagato le radici antiche e medievali di alcuni temi portanti del pensiero contemporaneo, come la funzione del linguaggio, il rapporto tra menzogna e verità, lo statuto dell’immagine e le forme dell’esperienza d’amore.

L’ingresso è libero; per tutti gli ulteriori dettagli, basta un clic al sito www.filosofilungologlio.it.