Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 11 dicembre 2017

«InCertiLuoghi»
traversata poetica
con Fabio Scotto

«Nessuna voce umana attorno/solo il soffio del vento/Dove sono andati tutti? / Dove saranno domani?». È una dolente traversata dell'animo umano «In amore» (Passigli Poesia 2016), raccolta lirica di Fabio Scotto, poeta e docente di Letteratura francese all'ateneo di Bergamo, ospite a Riva di Solto all'interno del festival di poesia «InCerti Luoghi»: partenza alle 15 dall'imbarcadero di Pisogne.

«Questo libro nasce da una materia magmatica che si coagula come per spasmi attorno a dei nuclei imprevisti, affettivi, memoriali, storici, immaginari» spiega Scotto. L'immaginario, ossessione cardine di alcuni fra gli autori che Scotto ha tradotto negli anni, diventa il magma sul quale scivola e si affaccia il presente, col suo carico di volti, di incontri, di umori ora neri ora passionali, capaci di far sobbalzare il sismografo del cuore, per dirla con Breton.

E proprio nei sobbalzi trova la sua ritmica endemica la scrittura del poeta, dando fiato a quella «voce spezzata» che ha modellato il Novecento poetico e letterario. «Questo volume ha un moto poematico, quasi da romanzo in versi. Ho lasciato scorrere la penna, all’inizio volevo tentare un libro che fosse come un’unica frase ininterrotta e ininterrompibile, poi la parola ha trovato le sue pause e modulazioni». Le intermittenze del cuore e della lingua, le esitazioni, le frasi interrotte, le dimenticanze: tutto, nella poetica di Scotto, concorre alla creazione della materia poetica.

UN ESSERE al mondo che marchia, dolente, il finale del volume con i versi dedicati alla strage del Bataclan e a Valeria Solesin, che in quell'inferno trovò la morte: «Dicono che sono morta/ma non è vero/Abito i vostri pensieri/rinasco dalle mie ceneri, Fenice». La voce di Scotto si fa sommessa, carica di pietà, testimone di un tempo inafferrabile che, forse, solo il verso poetico può sfiorare: «La poesia è una forma estrema e irriducibile di resistenza contro chi ci sottrae la libertà di essere noi stessi, di creare il mondo in cui vorremmo vivere, Hugo diceva che è “una forza che va”» conclude l'autore. «Saprà resistere nonostante tutto, finché avremo parola e vita, muore e rinasce ogni volta che un bambino apre gli occhi sul mondo». STE.MA.