Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 maggio 2018

Cultura

Chiudi

13.01.2018

«La rivoluzione è servita» al Grande Lezioni di storia

L’esecuzione di Luigi XVI
L’esecuzione di Luigi XVI

Una rivoluzione è per definizione un fatto traumatico di evidente discontinuità col passato, avvenimento che a volte in poche ore cambia il corso della vita di un intero popolo, quasi sempre nella violenza e nel sangue. Ma è inevitabilmente frutto di lunga preparazione, accompagnata da segnali che poi sfociano appunto in una rivoluzione. Aspetti che saranno esaminati e proposti nei 6 incontri al teatro Grande, il primo dei quali è in programma stamattina alle 11, con Luigi Mascilli Migliorini – docente di Storia moderna all’Università di Napoli L’Orientale – che racconterà la Rivoluzione Francese del 1789. Non si tratterà di una conferenza, perché all’analisi del professore si accompagneranno gli interventi dell’attrice Elena Vanni che proporrà brevi letture su quegli avvenimenti, in una formula già felicemente sperimentata nella stessa sede lo scorso anno, in occasione delle «Lezioni di Filosofia». Le «Lezioni di Storia» sono appuntamenti studiati espressamente per Brescia e per il Teatro Grande in collaborazione con l’Editrice Laterza. Come hanno dichiarato il sovrintendente Umberto Angelini e il sindaco Emilio Del Bono presentando l’iniziativa, è significativo che una gran parte delle prenotazioni giunte alla biglietteria del Grande in corso Zanardelli non riguardi gli studenti delle scuole superiori bresciane – che pure parteciperanno numerosi agli incontri – ma semplici cittadini bresciani interessati a questi temi storici, dei quali l’appuntamento di stamattina costituisce solo il punto di partenza. SABATO 20 GENNAIO sarà la volta di Alberto Maria Banti per «1848, la rivoluzione patriottica», il 27 gennaio Angelo D’Orsi tratterà la rivoluzione russa, il 3 febbraio Emilio Gentile quella fascista, il 24 febbraio Marcello Flores la rivoluzione studentesca del 1968 e il 3 marzo Valentine Lomellini parlerà del 1989, la cosiddetta rivoluzione democratica seguita al crollo del Muro di Berlino. • L.FERT.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok