Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 18 dicembre 2017

Uomo e industria:
quarta rivoluzione
secondo Zamagni

«In quale senso e in qual modo la IV dimensione industriale ci sta toccando?»: questo l’interrogativo al quale stasera proverà a rispondere Stefano Zamagni, protagonista del terzo appuntamento con Filosofi lungo l’Oglio, festival diretto da Francesca Nodari, quest’anno al giro di boa della dodicesima edizione (leitmotiv: «Toccare»). Da Roccafranca, dove ieri sera è intervenuto Evandro Botto, il simposio di pensieri e parole farà tappa a Rovato, nella chiesa di Santa Maria Assunta a Rovato: si comincia alle 21.15, come sempre a ingresso gratuito.

Classe 1943, Zamagni è considerato uno dei maggiori economisti contemporanei. Laureatosi nel 1966 in Economia e Commercio all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, si è specializzato al Linacre College dell'Università di Oxford. Tornato in Italia, Zamagni ha quindi iniziato a insegnare all'Università di Parma, ottenendo nel 1979 l'ordinariato di Economia politica a Bologna, nel 1991 consultore del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e poi membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. Fra il 2007 e il 2009 Zamagni è stato tra principali collaboratori di Papa Benedetto XVI per la stesura del testo dell'Enciclica Caritas in veritate. Membro del comitato scientifico di numerose riviste economiche nazionali e internazionali, altrettanto membro o coordinatore dei comitati organizzatori di convegni scientifici nazionali e internazionali, Zamagni è autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico, così come di contributi al dibattito culturale e scientifico.

ARCHIVIATO l’incontro odierno, il pellegrinaggio estivo dei Filosofi lungo l’Oglio farà quindi scalo sabato pomeriggio a Concesio, dove sullo sfondo della Collezione Paolo VI (in via Marconi 15) prenderà forma il percorso tattile «Vietato non toccare», concepito per far dialogare mente, cuore e corpo del fruitore davanti all’opera d’arte, «attivando riflessioni che valicano i confini interpretativi dell’oggetto, per vivere il museo “in tutti i sensi“». Info e iscrizioni: collezionepaolovi.it e filosofilungololgio.it.