Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 novembre 2017

Cultura

Chiudi

09.11.2017

Meteo «fai da te», la bufala
serve per fare business

MILANO

Notifiche, allerte, messaggini: è grazie ai social network e agli smartphone che sta montando il fenomeno della meteorologia fai-da-te, una “fabbrica” di previsioni “bufala” spesso generate in maniera dozzinale da finti colonnelli Bernacca con un solo obiettivo: fare business.

A lanciare l’allerta sono gli esperti di meteorologia, fisica dell’atmosfera e climatologia che dal 17 al 19 novembre si riuniranno a Rovereto per la terza edizione di Festivalmeteorologia, organizzata dall’Università di Trento con il Comune di Rovereto, Trentino Sviluppo e Fondazione Museo Civico di Rovereto.

Attraverso conferenze, incontri, attività didattiche e ludiche, questa tre giorni svelerà al grande pubblico quanta scienza e quanta tecnologia si nascondono dietro alle previsioni meteo che consultiamo ogni giorno. «L’evoluzione stessa delle meteorologia è scandita dalle grandi scoperte scientifiche e dalle innovazioni tecnologiche», spiega Dino Zardi, ideatore del festival e responsabile scientifico dell’Università di Trento, «dalle onde elettromagnetiche ai satelliti. Oggi stiamo vivendo un’altra rivoluzione, quella di Internet, che da un lato ha favorito la condivisione dei dati, fra esperti e con il pubblico, mentre dall’altro ha permesso a chiunque di cimentarsi nelle previsioni meteo: ormai basta avere un computer, per scaricare i dati grezzi dai siti web dei servizi meteorologici italiani e stranieri e rielaborarli con app che forniscono modelli meteorologici completi simili a quelli professionali. A rischio è la qualità delle previsioni: è come avere gli strumenti per farsi un’ecografia a casa da soli, ma poi non saperla decifrare correttamente».

Per riconoscere solo le voci autorevoli, «serve più informazione a partire dalle scuole, dove bisogna spiegare ai ragazzi la meteorologia e le ricadute che ha sulla vita quotidiana». E stanno nascendo certificazioni per i meteorologi e si sta mettendo a punto la laurea magistrale in meteorologia (prima in Italia).

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok