Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 16 luglio 2018

Il Forno di Tavernole
accoglie le opere
di Marta Vezzoli

Marta Vezzoli (BATCH)

Fino a fine mese Marta Vezzoli, nativa di Chiari, studiosa delle architetture dell'archeologia industriale oggetto della sua tesi all'Accademia delle Belle Arti di Brera, espone le sue sculture e realizzazioni al Forno di Tavernole. Una mostra affascinante, che ha chiamato «Urgenti attese» in un luogo che lo è altrettanto, ma che è anche difficile, che obbliga a riflettere e capire per esser poi godibilissima e particolarmente adatta negli spazi di uno dei più notevoli monumenti industriali a livello europeo, oltre a dare un quadro completo del cammino di Marta Vezzoli, che vanta numerose esposizioni anche all'estero.

Lei stessa racconta il suo procedere in queste ricerche stilistiche: «Nei lavori pittorici e nelle installazioni ho rivissuto prima la poetica della archeologia industriale fino ad approdare nelle opere più recenti a riflessioni più intimistiche». Espone così opere fisse, originali lavori in filo di ferro componibili come le tessere di un puzzle, aeree proposte con il delicato lavoro paziente su piccoli e grandi tele di canapa con segni che sono geroglifici misteriosi come la vita oltre i quali si guarda in trasparenza. La mostra è aperta di domenica dalle 15 alle 19 e tutte le sere degli eventi previsti a corredo: 16 (“Filosofi lungo l'Oglio“), 21 e 28 luglio.E.BERT.