17 febbraio 2019

Cultura

Chiudi

11.02.2019

Fernando, il sogno della biblioteca che non ha confini

Il sogno di costruire una biblioteca universale con i libri catalogati senza distinzioni di credo, lingua e argomento: ce lo racconta Edward Wilson-Lee ne «Il catalogo dei libri naufragati», pubblicato da Bollati Boringhieri (pp. 340, 30 euro) con all’interno le riproduzioni di stampe, illustrazioni, disegni e dipinti tra cui il «Ritratto di uomo, detto essere Cristoforo Colombo», di Sebastiano del Piombo. Una storia che ci fa riscoprire o incontrare una figura fuori dall’ordinario, quella di Fernando Colombo, figlio illegittimo di Cristoforo e suo primo biografo, che ci ha lasciato il resoconto dei quattro viaggi del padre nelle Americhe nelle sue «Historie della vita e dei fatti di Cristoforo Colombo». «Degli originali 15-20mila volumi ne restano meno di 4mila. Dei volumi mancanti, alcuni sono sparsi tra le grandi collezioni di libri antichi del mondo, immediatamente riconoscibili dai caratteristici appunti di Fernando sul luogo e prezzo di acquisto; molti semplicemente si sono ridotti in polvere. La collezione di stampe di Fernando, la più grande del Rinascimento, è totalmente scomparsa, probabilmente distrutta dall’umidità o buttata via», spiega Wilson-Lee che con «Il catalogo dei libri naufragati» si fa conoscere in Italia. Così come sono svaniti i diari di bordo originali di Colombo sulla scoperta del Nuovo Mondo, ci racconta Wilson-Lee, che insegna al Sidney Sussex College, è esperto di Shakespeare, è cresciuto in Kenya con i genitori naturalisti, autori di documentari, e si è laureato a Londra dopo aver studiato in Svizzera. Frutto di un grande lavoro di ricerca, questo libro di Wilson-Lee, proposto nella traduzione di Susanna Bourlot ci fa entrare nel cuore di un avventuroso viaggiatore, lettore onnivoro, attratto dalla nuova invenzione della stampa a caratteri mobili, sempre alla ricerca dei libri più belli e delle edizioni migliori, raccoglitore di ogni foglio mai prodotto da un torchio, corrispondente di Albrecht Durer, Erasmo da Rotterdam e Aldo Manuzio, inventore della prima biblioteca universale concepita come un organismo vivente, che accoglieva autori spesso sconosciuti. Rispettando le fonti, Wilson-Lee è riuscito a dar vita a un’opera di immaginazione sull’amore per i libri e la conoscenza che portò il figlio illegittimo di Cristoforo Colombo a creare una «biblioteca senza mura» a Siviglia. E alla morte di Fernando, avvenuta quasi 500 anni fa, si scoprì, all’apertura del testamento che «il principale erede della sua fortuna non era un essere umano, ma la sua meravigliosa creatura, la sua biblioteca» racconta l’autore. E tra Fernando che, in un certo senso, «è stato uno dei primi e più grandi visionari dell’era della stampa», Wilson-Lee trova impressionanti somiglianze con quello che scopriamo collettivamente ogni giorno e che ci riporta ai suoi appassionati tentativi di catalogare, ordinare, compilare liste vertiginose. «La rivoluzione digitale ha aumentato in modo esponenziale la quantità di notizie disponibili, con il risultato che oggi dipendiamo totalmente dagli algoritmi di ricerca creati per navigare, strumenti i cui modi di ordinare, classificare e categorizzare stanno velocemente ridefinendo la nostra vita», spiega l’autore che ci fa vivere in questo viaggio nel regno del sapere le nuove rotte aperte dal figlio naturale di Colombo. •

Mauretta Capuano
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok