Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 ottobre 2017

Cultura

Chiudi

02.04.2009

Sorlini, la realtà nei video


 Movimenti intermittenti nei lavori di Bruno Sorlini
Movimenti intermittenti nei lavori di Bruno Sorlini

Esplorare l'ignoto, la terra incognita, le città invisibili; è forse questo il sogno di ogni viaggiatore, di ogni artista contemporaneo, visto che la contemporaneità, tra le tante avventure ci ha portato in campo anche il desiderio di esprimere il non visibile; e dar vita all'invisibile, alla vertigine, al silenzio (alla parola non detta) appare come compito quotidiano dell'artista, ad iniziare dall'avvento della contemporaneità, a cavallo tra l'altro secolo e il Novecento.
Così ha fatto Bruno Sorlini in questa sua ultima mostra: i suoi primi video. La storia di Sorlini è quella di un'avventura, di una trasgressione; ha viaggiato, ma dai suoi viaggi sono venute tante fotografie, ma non dei documenti; erano ritmi, fuochi di luci, dismisure. E anche quando insegna, con i «Sorlini's boys» della fotografia, insegna a muoversi lontano da sé (ammoniva Carmelo Bene che l'allievo deve imparare tutto dall'insegnante per poi dimenticarlo).
E adesso parte ancora per un altro viaggio, lo fa tra le pareti di casa, ha attrezzato una stanza piena di televisori, da cui un tempo traeva particolari che rendessero non leggibile ciò che culturalmente appariva già come poco leggibile; oggi aspetta che tutto sia finito, e riprende le parole non dette, gli spazi di luce che appaiono, quando non appare nulla. Non c'è più chi vuole trasmettere, c'è il silenzio del vuoto.
Ma il vuoto è animato: ritmi, scansioni, pause, movimenti intermittenti, piccole luci che non hanno un'origine certa e nemmeno un fine. Segni nel vuoto. Con le certezze già acquisite e con i ritmi di un tempo che non vuole lasciar riposare gli occhi; nemmeno quando nulla accade. Sorlini ci chiede di ricominciare a leggere, riprendendo l'alfabeto dall'area originaria, dove la parola non esiste ancora.M.CORR.
Bruno Sorlini: «Video»; Brescia, Galleria Associazione Culturale Maurer Zilioli - Contemporary Arts (via Trieste, 42/b); fino al 17 maggio.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok