lunedì, 26 giugno 2017
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

17.02.2011

«Ecco perché la Strage
resta senza colpevoli»

Il presidente della Corte d’assise, Enrico Fischetti (al centro). A sinistra, il giudice Antonio Minervini
Il presidente della Corte d’assise, Enrico Fischetti (al centro). A sinistra, il giudice Antonio Minervini

Brescia. Dichiarazioni dei collaboratori assolutamente inattendibili, nessuna prova concreta, troppe bombe e nessun riferimento riconducibile alla strage di Brescia nemmeno nelle veline della Fonte Tritone.
È questo, in estrema sintesi, il contenuto delle motivazioni della sentenza di assoluzione del processo sulla strage di piazza della Loggia. È questo il motivo che ha spinto i giudici della corte d'assise ad assolvere, con forma dubitativa. Delfo Zorzi (accusato di aver procurato l'esplosivo), Carlo Maria Maggi (considerato il regista), Maurizio Tramonte (accusato di aver partecipato alla riunione organizzativa della strage), Francesco Delfino (accusato di non aver fatto nulla per impedire l'attentato). Per Pino Rauti, quinto imputato nel processo, la stessa accusa aveva chiesto l'assoluzione. Le motivazioni della sentenza sulla strage del 28 maggio 1974, costata la vita di otto persone, e il ferimento di altre 103, sono state depositate l'altra sera, al termine dei 90 giorni richiesti dalla corte. Le argomentazioni, firmate dal presidente della corte d'assise Enrico Fischetti, estese dal giudice a latere Antonio Minervini, riempiono 435 pagine.
LA SENTENZA, che ha raccolto le reazioni negative delle massime autorità cittadine e dei rappresentanti legali delle parti civili che non premia una inchiesta durata sedici anni tendente a dimostrare la responsabilità di Ordine Nuovo con la collaborazione dei servizi segreti deviati, spiega fin dalle prime pagine i motivi della decisione. I giudici, in sostanza, hanno dovuto fare i conti con dichiarazioni che non hanno potuto essere acquisite al processo mancando il consenso di tutti gli imputati, così come non è stata consentita l'acquisizione integrale dei precedenti procedimenti sia sulla strage di Brescia che di piazza Fontana. Con la conseguenza che «i risultati, in termini di ricostruzione del fatto - scrivono i giudici - appaiono potenzialmente schizofrenici».
«Le attese di chi pretende di ricevere dal processo l'accertamento della verità - si legge nelle motivazioni - su un determinato avvenimento non può che restare delusa, potendo al più il processo ricostruire una verità processuale per ogni imputato del medesimo reato, a seconda degli elementi utilizzabili nei suoi confronti. In sostanza il processo penale non serve a stabilire la verità su un accadimento (costituente evidentemente reato), ma solo a stabilire se nei confronti di un determinato soggetto, in base alle regole processuali vigenti all'epoca del procedimento quell'avvenimento si sia realizzato e lo abbia visti coinvolto al punto da potersene attribuire la responsabilità».
La sentenza è motivata partendo dall'analisi della colonna portante dell'accusa: Carlo Digilio, collaboratore e coimputato di strage, morto nel 2005. Digilio è stato valorizzato dall'accusa che non ha potuto fare affidamento sulle dichiarazioni rese da Tramonte perchè inutilizzabili nei confronti degli altri imputati, ma la scelta, benchè necessaria, non è stata vincente. I giudici hanno concluso per l'assoluta inattendibilità sia di Digilio che di Maurizio Tramonte.
Non sono state trovate tracce di prove, per i giudici, nemmeno nelle veline del Sid, gli appunti presi dal maresciallo Fulvio Felli che nel '74 era il referente di Maurizio Tramonte, informatore del servizio segreto con il nome in codice di «Fonte Tritone». Per i giudici il contenuto delle veline non può costituire fonte di responsabilità per gli imputati. E per i giudici sono troppe le bombe: quattro che prenderebbero strade diverse. Ora la palla passa alla procura e alle parti civili: ci sono 45 giorni di tempo per chiedere l'appello.

Wilma Petenzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Brescia ha richiamato Boscaglia: tu chi avresti scelto?
ok

Sport

Cultura

Spettacoli