giovedì, 29 settembre 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

03.02.2013

Il presidente della Camera
a Bresciaoggi

Camera/ Fini: Credo di essere stato Presidente imparziale
Al centro di dibattito politico, ma equo in compiti istituzionali
Camera/ Fini: Credo di essere stato Presidente imparziale Al centro di dibattito politico, ma equo in compiti istituzionali
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Oggi a Brescia per presentare i candidati Fli alle elezioni, il presidente della Camera Gianfranco Fini ha scelto come prima tappa del suo tour in città la redazione di Bresciaoggi. Accompagnato dall'onorevole Chiara Moroni e dal segretario provinciale Luca Feroldi, ha partecipato a un forum con il capocronista Marco Bencivenga, il vicecaposervizio Franco Mondini e Giuseppe Spatola. "La sorpresa di Berlusconi? Sarà la solita corsa a chi la spara più grossa. D'altra parte, cosa pretendere da uno che pensa di vincere le elezioni con Balotelli?", ha detto Fini, confessando di non essersi mai pentito dello strappo con il Pdl. "Forse, mi è costato una carica importante, ma lo rifarei, perchè le scelte di politica economica e la deriva delle leggi ad personam erano diventate insostenibili. Certo, quando ho chiesto a Berlusconi "che fai, mi cacci?", non pensavo che mi avrebbe ascoltato. L'unica volta che lo ha fatto".

Suggerimenti

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Tweet Vip

Facebook

Sondaggio

Dall'adunata alpina di Edolo è partita la proposta di ripristinare la leva obbligatoria, allo studio in Parlamento: cosa ne pensi?
ok

Sport

Cultura

Il racconto di Ferragosto