venerdì, 22 settembre 2017
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

29.08.2012

Bocciata la legge 40: lo stop della Corte Ue

Bocciata la legge 40:<br />lo stop della Corte Ue
Bocciata la legge 40:<br />lo stop della Corte Ue

ROMA Ennesima bocciatura per la legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita: questa volta arriva dalla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, che sul ricorso di una coppia che vive a Roma, fertile ma portatrice sana di fibrosi cistica, ha ritenuto il sistema legislativo italiano in materia di diagnosi preimpianto (pgd) degli embrioni «incoerente». Da un lato infatti vieta alla coppia di ricorrere alla pgd, e dall'altro, con la legge 194 sull'aborto, le permette l'aborto terapeutico nel caso il feto venga trovato affetto da fibrosi cistica. Nella casa di questa coppia trentenne c'è già un figlio, di sei anni, affetto proprio da quella malattia che avrebbero voluto evitare con la fecondazione assistita ad un secondogenito. La Corte ha quindi stabilito che cosi com'è formulata la legge 40 ha violato il diritto al rispetto della vita privata e familiare di Rosetta Costa e Walter Pavan, a cui lo Stato dovrà versare 15 mila euro per danni morali e 2.500 per le spese legali sostenute. Soddisfatti gli avvocati della coppia, Nicolò e Ginevra Paoletti, «per questa sentenza che riafferma il principio che lo Stato democratico non deve interferire nelle decisioni intime e personali come quelle procreative». La sentenza però non sarà definitiva prima di 3 mesi, termine entro cui le parti, dunque anche lo Stato italiano, potranno presentare ricorso davanti alla Grand Chambre. Le polemiche invece sono iniziate subito, dividendo il Parlamento. Secondo esponenti del Pd come Rosa Calipari, la capogruppo dei senatori Anna Finocchiaro, Ignazio Marino e Vittoria Fraco, la radicale Maria Antonietta Farina Coscioni, «è venuto il momento di riscrivere completamente la legge 40, sbagliata, crudele e inumana». Questo sarà «l'impegno del Partito Democratico», assicura Marino, «nell'interesse della salute delle persone, della vita delle coppie e della ricerca». Sulla stessa lunghezza d'onda anche Flavia Perina (Fli), che chiede al governo Monti segnali su procreazione, coppie di fatto e cittadinanza, Nichi Vendola, leader di Sel, che parla di sentenza «saggia», e Antonio Di Pietro (Idv) che definisce «incostituzionale» la legge 40. Di parere opposto gli esponenti del Pdl, come Maurizio Lupi ed Eugenia Roccella, che sperano in un ricorso da parte del Governo, e della Lega, quale Massimo Polledri, secondo cui «la legge 40 è frutto di una convergenza tra le forze parlamentari, espressione di una volontà popolare che la Corte europea dovrebbe rispettare». Ancora più tranchant il Centro di bioetica dell'università Cattolica di Milano, che parla di «eugenetica liberale». Tuttavia non mancano i distinguo negli stessi schieramenti. Il capogruppo del Pdl, Fabrizio Cicchitto, parla di «forzature» nella legge 40, Francesca Martini (Lega) valuta la sentenza «un passo di civiltà». Per il ministro della Salute, Renato Balduzzi, la questione di compatibilità tra legge 40 e 194 è «un problema già noto, ma aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza. In ogni caso una riflessione va affrontata».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Brescia ha richiamato Boscaglia: tu chi avresti scelto?
ok

Sport

Cultura