lunedì, 11 dicembre 2017
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

19.09.2017

Corsa al Palazzo
con le comparse

A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, sentenziava il «divo» Giulio Andreotti, uno che di politica se ne intendeva. E forse mai citazione, paradossalmente, fu più «azzeccata» scorrendo la lista delle primarie a candidato premier del Movimento Cinque Stelle. Dentro c’è di tutto, dal sindaco mancato all’artigiano, dal perito elettrotecnico all’ex consigliere circoscrizionale. Ma di «big», quello che di fatto si sente già presidente del Consiglio in pectore, ce n’è uno solo, il vicepresidente della Camera, Luigi De Maio, l’uomo che più di ogni altro ha portato in giro l’immagine di un Movimento in giacca e cravatta, capace di parlare anche ai poteri forti riuniti a Cernobbio. Si sono sfilati dalla corsa tutti i suoi possibili competitor, da Di Battista a Fico. Solo una senatrice, Elena Fattori, non ha resistito alla tentazione. Ma neanche i più arditi bookmaker si azzardano a scommettere sulla sua vittoria. Mentre l’auto-candidatura di Saviano ha solo il sapore di una velenosa provocazione. Insomma, ancora una volta quella delle primarie sembra una lotteria «truccata», meccanismo fatto per assecondare le scelte del padre-padrone del Movimento, Beppe Grillo. Vero che l’ex comico ufficialmente resta alla finestra del suo albergo romano, per tirarsi fuori dalla mischia. Ma, nella realtà, l’impressione è che dietro il listone dei candidati ci sia la solita «manina» che dirige, dall’alto, i Cinque stelle, più o meno come fanno, di solito, i leader dei partiti. Un paradosso per un Movimento che era nato proprio per scardinare il vecchio sistema politico e «rottamare» un’intera generazione di politici di professione. Eppure è proprio in questi passaggi che l’organizzazione di Grillo mette a nudo i suoi limiti, per lo meno organizzativi. Dimostrando che la Rete non è automaticamente sinonimo di «democrazia» e non basta per scardinare un sistema politico o per selezionare una nuova classe dirigente. Va utilizzata per quello che è, uno strumento di partecipazione e di condivisione anche di piattaforme politiche o elettorali. Da questo punto di vista, Grillo è stato un grande innovatore, rompendo i tradizionali schemi della comunicazione politica e anticipando tendenze che ormai cominciano a fare parte di tutti i partiti. Dare uno sguardo ai tweet o alle slide di Renzi per rendersene conto. Ma la corsa per le primarie e lo strano listone di candidati «fantasma» sembra sconfessare l’anima del M5S che rischia di essere spazzato via proprio da quell’anti-politica di cui Grillo è stato, fino a ieri, il principale portavoce. A pensare male…

ALESSANDRO CORTI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1