giovedì, 13 dicembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

24.08.2018

Uno schiaffo a Bruxelles

Il braccio di ferro di Matteo Salvini sulla Diciotti, la nave ancorata a Catania con 150 migranti a bordo, è ormai diventato uno scontro istituzionale, oltre che una polemica politica sulla pelle della povera gente che attende soltanto di sapere se potrà sbarcare oppure no in Italia. Contro il ministro dell’Interno, che rivendica il principio di non autorizzare l’ingresso sul territorio nazionale a chi non ha le carte in regola (ma spesso neppure le carte, tanto è disperata la situazione dalla quale si fugge), si sono schierati il presidente della Camera, Fico, magistrati che hanno aperto ben tre inchieste, l’Agenzia per i rifugiati dell’Onu. E la lista s’allunga con il passare delle ore. Ma in questa vicenda che sarebbe facile da risolvere, tanto piccolo è il numero degli immigrati soccorsi al largo delle coste maltesi e tanto grande è la comprovata e straordinaria umanità degli italiani per chi soffre, Salvini ha dalla sua almeno due circostanze. La prima è che lui sa che, quanto più veemente è la riprovazione istituzionale per un diniego che appare oltraggioso, tanto maggiore è, all’opposto, il consenso dei cittadini. I quali non ce l’hanno, com’è ovvio, con poveri innocenti che invocano solamente aiuto, e aiuto sarà un dovere accordare. La «gente» ce l’ha, invece, con una strategia politica a lungo imperversata, e che non è più disposta a tollerare: l’idea che l’Italia debba farsi carico del dolore del mondo «in solitaria». In questo il ministro dell’Interno è paradossalmente confortato, persino in queste ore, dalla seconda circostanza: l’indifferenza dell’Europa. Con l’unica eccezione francese in una recente e analoga situazione, nessuna nazione ha preso un solo migrante fra i ben pochi, oltretutto, che s’era impegnata ad accogliere. «Se l’Ue non accetta i migranti, l’Italia non pagherà più i contributi di venti miliardi», ammonisce il vicepresidente del Consiglio Di Maio alla vigilia del vertice tecnico previsto a Bruxelles. E aggiunge, a scanso di equivoci sulla posizione del governo: «Serve la linea dura». La posta in gioco non è, dunque, l’assistenza ai migranti in attesa, accompagnata dallo scontro casalingo pro o contro Salvini. E poi la dedizione delle autorità preposte al caso è totale e alla luce del sole. Il punto vero e grave è l’ignavia europea su una tragedia che i governi di Roma denunciano da anni. Ma di cui nessuno - è questa la vergognosa verità -, vuole farsi carico. Neppure dopo essersi impegnato a farlo. www.federicoguiglia.com

FEDERICO GUIGLIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1