Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
giovedì, 19 ottobre 2017

Il Nuovo Eden va
dal grande maestro
all’estremo Oriente

Un tuffo nel cinema di un grande maestro, ritrovato in quella preziosa miniera che è l'archivio della Fondazione Micheletti, e un grande balzo in Estremo Oriente, per vedere da vicino, sull'onda di un intelligente e curatissimo documentario, l'effetto che fa vivere oggi in Cina, se si è giovani, si è nati dopo il 1989 e non si dispone di un passato da proiettare dentro il proprio futuro. Così inizia oggi alle 20.30 al cinema Nuovo Eden una rassegna che si propone di offrire alcuni significativi assaggi di cinema dai Festival: Locarno, Venezia, Pesaro, senza dimenticare una vivace dimensione locale.

Il maestro è Ermanno Olmi e il film ritrovato negli archivi della Fondazione Micheletti è il mediometraggio inedito «Il tentato suicidio nell'adolescenza»: restaurato a cura dell'Istituto Luce, è stato poi presentato come evento speciale alle Giornate degli Autori alla Mostra del Cinema di Venezia.

«The first shot» di Federico Francioni e Chen Yang - a seguire - ha vinto quest'anno a Pesaro ed è un film che ben si addice al Nuovo Eden, alla sua attività e alla sua idea di cinema inteso anche come strumento di conoscenza. La Cina è vicina proprio grazie a lavori come «The first shot» in grado di vedere e far vedere sfruttando un acutissimo senso dell'immagine e dell'inquadratura. La camera di Francioni e Yang sta addosso a tre giovani le cui vite scorrono come in un flusso di coscienza. Giovani senza radici ai quali l'ansia tarpa le ali: Peng Haitao vive a Pechino nel quartiere del Black Brick Village ed è un blogger alle prese con la censura; Liu Yixing assiste inquieto alla demolizione e ricostruzione di interi quartieri; la bella You Yiyi da Londra torna nel villaggio natale e si trova come un pesce fuor d'acqua...

IL PROGRAMMA del Festival Nuovo Eden continua domani con «L'ordine delle cose» di Andrea Segre. Lunedì dopo «Art trailer...se fosse una canzone» di Nicola Zambelli, ideato dalla Fondazione Brescia Musei in collaborazione con il liceo Calini e l'Ordine degli Architetti, sarà proiettato «Madame Hyde», con Isabelle Huppert premiata a Locarno. Sempre da Locarno arriva «Did you wonder who fired the gun» di Travis Wilkerson (mercoledì). Conclusione giovedì con «L'attrazione gravitazionale del professor D.» di Marco Santi, seguito da «Temporada de Caza» di Natalia Garagiola.F.B.