Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Caparezza in orbita
fra Molfetta e gli States

(BATCH)

Caparezza che racconta le sue prigioni tra Molfetta e Los Angeles: un viaggio pazzesco. E chi attendeva il passo falso con il fucile puntato dovrà ancora una volta ricredersi e deporre le armi: il Capa, anche questa volta, è in forma smagliante. E se qualcuno sta annunciando ai quattro venti la nuova collaborazione con Rick Rubin, lui continua ad affidarsi come nel precedente «Museica» al tocco magico di Chris Lord-Alge, uno che ha lavorato con Springsteen e Green Day e che si dimostra funzionale per dare al nuovo album del rapper pugliese quel respiro degno delle grandi produzioni internazionali. Eppure «Prisoner 709» è un disco profondamente italiano, per quanto votato ad un funambolismo verbale e musicale che non trova eguali né nel nuovo rap né fra gli indieautori di questa generazione: Caparezza vola tra note e parole, cita, frulla, sminuzza, ricompone, nell’ottovolante di un’autoanalisi che porta infine all’accettazione. Un ascolto che dà le vertigini: ma da applausi.

(Universal)