Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 dicembre 2017

Spettacoli

Chiudi

12.10.2017

Due «Decibel party» per chiudere il tour

Enrico Ruggeri: arrivano due concerti con i «Decibel»
Enrico Ruggeri: arrivano due concerti con i «Decibel»

È tempo di festeggiamenti per i Decibel, che chiudono un anno di attività live con due concerti speciali.

La band di Enrico Ruggeri, Silvio Capeccia e Flavio Muzio ha organizzato due eventi che prenderanno il nome di “Decibel party“, in programma a Torino e a Milano, rispettivamente il 24 ottobre a Le Roi e il 6 novembre al Fabrique. «Sarà il nostro modo per salutare gli amici», ha raccontato Enrico Ruggeri, «e per divertirsi ancora con due concerti diversi».

I due eventi arrivano al termine di una lunga carrellata di concerti nella quale i tre si sono imbarcati dopo la pubblicazione del nuovo album “Noblesse oblige“, lo stesso che li ha riportati a suonare ufficialmente insieme come Decibel, dopo tanti anni. «Non avremmo mai potuto immaginare un anno così intenso e interessante», ha raccontato la voce di Contessa, «perchè siamo partiti con l’idea di fare un disco per gli amici, che poi è diventato un disco per tutti e poi ancora siamo arrivati a far sfociare il progetto in un cofanetto, per non parlare di un tour di ben quaranta concerti suonati come si deve. Non abbiamo mai usato sequenze e abbiamo fatto quaranta concerti uno diverso dall’altro, giocando con le scalette e addirittura scambiandoci gli strumenti. Ci siamo divertiti tantissimo ed è stato un arricchimento sia dal punto di vista umano sia musicale. Mi sono reso conto che negli anni scorsi ho fatto qualche stagione con il pilota automatico».

Con un progetto che è cresciuto strada facendo, Ruggeri e soci hanno scoperto di avere ancora un pubblico fedele e che li aspettava da tempo per cantare con loro e sentirli suonare dal vivo. «La formula ha funzionato», ha commentato, «forse perchè ci sono persone a cui piace ancora ascoltare la musica in un certo modo. Non siamo certo ripartiti con l’obiettivo di fare gli stadi, ma per far sentire alla gente concerti veri, nel senso di musicisti che salgono sul palco per suonare e persone che arrivano sul posto per ascoltarne la musica. Siamo ormai circondati da concerti che non sono più tali, ma diventano eventi di spettacolo, come se si facesse a gara tra chi ha il led più grosso o la passerella più lunga. Fortunatamente c’è ancora gente che ama il rock suonato e non va a mettersi in fila per l’eroe della stagione». Per i due ’Decibel party’, la scaletta sarà composta da classici della band e dai brani dell’album più recente».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok