Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 15 dicembre 2017

Furiosi Metz
L’apocalisse
dal Canada

(BATCH)

Allude ad uno strano tipo di pace, questo terzo album dei canadesi Metz: titolo vagamente ironico per un set che precipita l’ascoltatore in un buco nero di sonorità cupe, in una catarsi sonora in cui la melodia deve combattere per emergere da uno spaventoso muro di suono. Registrato a Chicago con la regìa del mito Steve Albini, uno che ha firmato alcune fra le pagine più estreme del rock alternativo degli ultimi trent’anni, «Strange peace» è un ascolto per stomaci allenati, ma dotato di un fascino crudo e selvaggio, che rimanda alle pagine più oscure di Killing Joke e Sonic Youth, candidando senza mezzi termini i Metz al titolo di band più apocalittica e feroce della scena noise.

(Sub Pop)