Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 23 ottobre 2017

Il segreto dei Dry Your Eyes
durissimi e orecchiabili

In rete circola il video del nuovo singolo dei Dry Your Eyes (BATCH)

Lassù non ci si arriva in auto. La scarpinata è d’obbligo, ma poi la vista che da Punta Sasso si apre poderosa spaziando dalla Rocca di Manerba all’infinito Garda toglie letteralmente il fiato e ripaga con gli interessi per gli sforzi profusi. Legittimo allora, soprattutto se per arrivare a destinazione tocca portarsi in spalla chitarre, basso e batteria, godersi fino in fondo ogni frammento di bellezza generosamente offerta dalla natura, provando a rendere grazie attraverso il linguaggio prediletto della musica. One, two, three, four, rullata d’assalto, sei corde in modalità «pericolo incendio» ed ecco servita la rasoiata hardcore-punk d’inizio autunno: iniettata in rete con videoclip-panoramico in realtà girato d’estate per conservare un soffio di poesia (regia di Luca Rapuzzi e pittoreschi voli in drone), «No Waves Left» è il nuovo singolo dei Dry Your Eyes.

Dopo aver varcato quota 60mila visualizzazioni con la cover destrutturata di «Take Me To Church», hit globale del cantautore irlandese Hozier, i DYE tornano alla carica distillando in 3.16 minuti un’adrenalinica miscela di melodia e furore, fedeli alla linea «heavy and catchy», pesante e orecchiabile, manifesto del loro immaginario.

L’ultima scheggia impazzita, più un nuovo singolo in rampa di lancio che s’intitolerà «Uranós» e altre 4 canzoni finiranno nell’ep di debutto: «Cardinals», in uscita a dicembre. La prossima data utile per vedere in azione dal vivo la formazione bresciana composta da Carlo Mosconi (voce), Elia Pavoni (chitarra e seconda voce), Francesco Massari (chitarra), Federico Comincini e Matteo Scalvini (rispettivamente basso e batteria) sarà il 26 ottobre sul palco del Rock Out di Cazzago con gli inglesi Canvas.

Elia Zupelli

spettacoli.cultura@bresciaoggi.it