Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 17 ottobre 2017

Jp Energy, il carburante del Disco Volante

Pacetti spazia da «Bela Lugosi’s dead» a «Knights Of The Jaguar» (BATCH)

«La musica rimane una delle ultime grandi forme di comunicazione: impariamo ad ascoltarla, a viverla e a guardarla. Anche se a volte ci sembrerà un po’ strana». L’uomo delle nuvole sta per tornare a volare: tra sogni elettronici, alchimie robotiche e viaggi orbitali, Gianpiero Pacetti in arte Jp Energy stanotte sarà in consolle al Disco Volante dove per la prima volta in questa stagione proverà a trasportare il pubblico del culture club di via Salgari nel suo festival del fantastico. Un magma sonoro caldo e avvolgente, oscuro e solare, intriso di atmosfere visionarie e malinconiche, protese verso l’infinito.

Monoliti lavici dalla wave anni ’80 alla grande scuola techno di Detroit, da «Bela Lugosi’s dead» a «Knights Of The Jaguar», passando per la lezione-rivoluzione electroclash del maestro Hell: attraverso i dischi Jp svela la sua anima. «Per questo imparate ad aver fiducia nel dj che avete davanti, in chi si sta “spogliando“ per fare da connettore energetico tra chi produce e chi balla. Quando ciò avviene, si crea qualcosa di magico…prendi per mano il pubblico, lo sollevi da terra e non lo lasci scappare più» dice.

Fulminato dal ritmo in tenera età, cresciuto a pane, Kraftwerk e Jean Michel-Jarre, deus ex machina del negozio Mandragora dischi, per anni la mecca bresciana del «digging vynil» più alternativo, Jp Energy è un disc jockey di ricerca che oggi, a 50 anni suonati (in tutti i sensi), grazie al Disco e alla scommessa vinta da Gabriele Macchetta vive una seconda giovinezza.

Suoni, colori, forme plastiche, diagonali spezzate: la sua onda higher-techno brilla di esperienze luminescenti che parlano il linguaggio della vita. La notte l’ha creato, le nuvole l’hanno reso libero: artista senza compromessi, senza catene. «Oggi vince chi osa - dice il filosofo del groove -. Dobbiamo spingerci più in là, per fare club serve coraggio. E anche cultura, passione e sensibilità». Primo battito intorno a mezzanotte: c’è anche Giuseppe Mulè (info 389 9991899). E. ZUP.