Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
11 dicembre 2017

Spettacoli

Chiudi

07.10.2017

L’autunno luminoso
del «San Fedele»
Da Mozart al tango

Autunno musicale palazzolese  dal  7 ottobre con l’Asolo Chamber  al 3 dicembre con  il Novafonic Quartet
Autunno musicale palazzolese dal 7 ottobre con l’Asolo Chamber al 3 dicembre con il Novafonic Quartet

Un appassionante viaggio attraverso due continenti diversi, epoche differenti, stili eterogenei che però possono aprirsi in dialogo musicale. Il Barocco, il Romanticismo, le sperimentazioni del Novecento. E poi Mozart e Piazzolla, Bach e Gershwin. Prende il via alle 21 nell’auditorium San Fedele, in piazza Zamara a Palazzolo, la 25a edizione dell’Autunno musicale palazzolese, che da un quarto di secolo, senza interruzioni, offre una stagione concertistica di qualità. Nonostante la crisi, anno dopo anno, la rassegna ha fatto dell’antica Pieve il tempio della musica classica, capace di richiamare spettatori anche dai paesi circostanti. Nato dalla collaborazione tra l’associazione italiana MusicArte e l'argentina «El sonido y el tiempo», l’Autunno ha sempre offerto un’originale apertura sui panorami musicali dei due continenti, anche dopo il ritiro, pochi anni fa, dell’associazione argentina.

La rassegna 2017, quattro serate e un pomeriggio, attraversa con il suo cartellone la musica di tre secoli, dal ‘700 al 900, e due continenti. Si apre con il barocco europeo, Johann Sebastian Bach e Wolfgang Amadeus Mozart, e si chiude il 3 dicembre con tanghi e milonghe degli argentini Pedro Laurenz, Julian Plaza e Astor Piazzolla.

Patrocinata da Comune, Provincia, Regione e Dopolavoro comunale, questa nuova edizione è sempre guidata da Simone Pagani che festeggia la sua 25esima direzione artistica.

IL CARTELLONE presenta non poche novità: sabato 7 ottobre alle 21 l’Asolo Chamber orchestra, formazione costituita nel 2005, propone due concerti per tre pianoforti, il primo di Bach, il bwv 1063, il secondo di Mozart, il k 242. Pagine interpretate dai pianisti Chiara Nicora, Ferdinando Baroffio, Simone Pagani, diretti dal maestro Valter Favero: il concerto, che ha richiesto il prolungamento del palco per i tre strumenti, è una assoluta novità per Palazzolo. La seconda parte della serata offre altri due concerti per due pianoforti, il bwv 1060 di Bach e il k365 di Mozart.

Il 21 ottobre alle 21 il cartellone propone «Connubio di tastiere» del Duo Maclè, Sabrina Dente e Annamaria Garibaldi, insieme dal 2003, vincitrici di numerosi concorsi con due cd alle spalle in cui hanno coniugato musica e teatro. Con il percussionista Elio Marchesini eseguiranno brani che hanno segnato la musica del Novecento, da Adorazione della terra e Sacrificio da «Le sacre du printemps», capolavoro di Igor Stravinsky, a «Rapsodia in Blue» di George Gershwin.

La rassegna prosegue il 4 novembre con una serata dell’Italian Cello Ensemble che affianca ai violoncelli di Vivaldi il fascino della musica brasiliana e argentina. Il 18 novembre per Quintetti di chitarra e quartetto d’archi fa il suo esordio a Palazzolo il Mezzena Quartet, formazione che riunisce due violini - Franco Mezzena e Nancy Barnaba - una viola, Gianpaolo Guatteri, un violoncello, Sergio Patria, e una chitarra, Claudio Piastra.

LA CHIUSURA il 3 dicembre con il concerto «Dissonanze» vedrà sul palco dell’auditorium i quattro solisti del Novafonic Quartet: Fabio Furia al bandoneon, Gianmaria Melis al violino, Marcello Melis al pianoforte, e Giovanni Chiaramonte al contrabbasso.

Giancarlo Chiari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok