Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Spettacoli

Chiudi

12.07.2018

Sculptor: minimalismo un po’ folk

Sono in due, sono al terzo album, e tutto lascia prefigurare un imminente boom: tanti gli endorsement prestigiosi («Una volta che li hai ascoltati non puoi più farne a meno», ha detto Janet Weiss delle mitiche Sleater-Kinney), così come gli ospiti presenti nel disco, dal mito J. Mascis dei Dinosaur Jr a Jim White dei Dirty Three passando per Aaron Dessner dei The National. «Sculptor» procede tra bucoliche, minimaliste atmosfere alt-folk inquiete quanto basta per suggerire una doppia lettura: canzoni sulla potenzialità di momenti complicati che spesso conducono ad impensabili nuovi orizzonti. Ne risulta un ascolto forse non fulminante, ma intrigante e piacevole. (Sub Pop)

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok