Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2017

Spettacoli

Chiudi

03.10.2017

Panariello al Gran Teatro
Morato prima volta
per una doppia festa

Il comico di Firenze durante uno show con l’amico Francesco RengaGiorgio Panariello: fra i premi vinti, il «Taormina Cariddi Award»
Il comico di Firenze durante uno show con l’amico Francesco RengaGiorgio Panariello: fra i premi vinti, il «Taormina Cariddi Award»

Ieri era al PalaBam di Mantova, domani sarà al Creberg di Bergamo. Nel mezzo, oggi, Brescia. Giorgio Panariello porta qui, questa sera, la sua scatola magica di comicità. Attore, regista, showman, Giorgio festeggerà sul palco, davanti ai suoi fan, gli anni che ha compiuto sabato.

«Grazie a tutti per gli auguri! 45 anni sono una tappa importante», ha scherzato l’artista classe ’60, reduce dal tour con Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni, gli amici di sempre. Adesso, da ieri, è in pista con il suo nuovo spettacolo, «Il Panariello che verrà».

È un in inedito sotto un duplice aspetto, perché è tempo di prime volte anche per il luogo che lo ospita: il PalaBrescia, ex PalaBanco, si chiamerà d’ora in poi Gran Teatro Morato, prendendo il nome dal marchio alimentare di Altavilla Vicentina. Svolta nata dal fatto che Matel, la società che si occupa della struttura della Diocesi, ha ceduto una parte della gestione alla Zed! Entertainment. Sono già previsti in cartellone La febbre del sabato sera (30 novembre), Grease (23 gennaio), le esibizioni di Ornella Vanoni (26 gennaio), Riki (23 febbraio) e Massimo Ranieri (10 marzo).

PANARIELLO inaugura il nuovo corso tornando sul palcoscenico con la sua comicità, una qualità naturale che proverà ad esaltare seguendo il flusso di un «work in progress» senza precedenti, in una carriera che l’ha comunque già visto tagliare traguardi invidiabili. Panariello ha condotto il Festival e a Sanremo è tornato da ospite, ha mietuto successi cinematografici dopo essersi fatto conoscere in televisione, ha mostrato i frutti di una gavetta autentica sulle scene di svariati teatri, girando l’Italia per davvero con la sua valigia da attore nato. Imitatore (notevole il suo Renato Zero, tanto da collaborare spesso e volentieri col cantautore stesso, con effetti esilaranti), capace di allacciare collaborazioni durate nel tempo come quella con Conti e Pieraccioni. Il trio di moschettieri della comicità toscana, di nuovo insieme vent’anni dopo i primi passi di successo compiuti con la trasmissione «Succo d’arancia».

IN QUESTO suo nuovo show solista Panariello esprime la sua verve tra personaggi inediti e riflessioni sull’attualità. Luci, musiche e colori da celebrazioni natalizie, contenuti tutti da scoprire, con una buona dose di libertà d’improvvisare su un canovaccio messo a punto con l’esperienza di chi si conosce bene, e altrettanto bene conosce il proprio pubblico.

Già protagonista in radio, oltre che su palchi e schermi grandi e piccoli, Giorgio Panariello diverte ed emoziona fan che lo seguono fedelmente ormai da anni. Ed è pronto a riproporsi con l’entusiasmo che solo uno show dal vivo può trasmettere. Al Gran Teatro Morato, in via San Zeno 168, inizierà a dare spettacolo dalle 21. I biglietti costano variano da 60 e 50 euro (settore numerato) a 30 euro (settore non numerato), sul circuito TicketOne.

Gian Paolo Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok