Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 17 ottobre 2017

«Aggiungi un posto
a tavola»: si ricomincia

Gianluca Guidi, figlio di Dorelli (BATCH)

ROMA

«È un piccolo capolavoro italiano. Come la Ferrari. E ormai appartiene alla mia famiglia per usucapione. Stiamo aspettando anche mio figlio Giacomo. Per ora ha solo 9 anni»: così, battuta sempre pronta, Gianluca Guidi riporta in scena «Aggiungi un posto a tavola», la celebre commedia musicale firmata nel ’74 da quella squadra irripetibile che furono Pietro Garinei e Sandro Giovannini con Iaia Fiastri e le musiche di Armando Trovajoli, in nuova edizione in prima nazionale al Teatro Brancaccio di Roma dal 12 ottobre al 26 novembre e poi in tournèe in tutta Italia. Un regalo per il Brancaccio «che compie 80 anni nella veste in cui lo conosciamo», racconta il produttore e direttore artistico Alessandro Longobardi. «Avere questo spettacolo qui è una fortuna enorme, che non mi sarei aspettato. Nel ’74, in un periodo critico per il sistema sociale, era stato pensato perché il pubblico accorresse a teatro. In qualche modo ci sentiamo in un momento simile, soprattutto a Roma, con lo spettacolo dal vivo sempre più difficile da sostenere. Il progetto è di portarlo anche all’estero».