Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 giugno 2018

Spettacoli

Chiudi

14.02.2018

Con «Intrigo e amore» Romeo e Giulietta dark

Un «Romeo e Giulietta» a tinte dark. Siamo nel Settecento, nella Germania preromantica dello Sturm und Drang. Il nobile Ferdinand, figlio del potente ministro Von Walter, s’innamora ricambiato della borghese Luise Millerin, figlia di un umile violoncellista. Il padre del giovane cerca in ogni modo di ostacolare l’unione e di convincere Ferdinand a sposare la favorita del principe, anche per ottenere una promozione. Il sentimento sincero e profondo del figlio però non lo fa desistere dal desiderio di sposare Luise. Il ministro, dunque, escogita qualcosa di bieco con la complicità del suo segretario Wurm... «Intrigo e amore» (Kabale und Liebe), in scena da stasera alle 20.30 al Teatro Sociale di Brescia, è la tragedia più realistica di Schiller, scritta con l’ambizione di creare – appunto - un «Romeo e Giulietta tedesco». Un'opera dalla forza rivoluzionaria che coniuga per la prima volta nel teatro tedesco del Settecento tragedia e commedia, dando vita a personaggi in continuo mutamento, come il potente ministro Von Walter, interpretato da Stefano Santospago. Un puro «villain» d’altri tempi. «È un uomo cinico e la sua carriera la deve a corruzione e omicidi. Pur di mantenere il suo ascendente sul principe gioca con la pelle del figlio, inducendolo a sposare una cortigiana. Emblema di un potere deciso a sacrificare tutto per la reputazione e il privilegio», spiega Santospago, che conferma quanto sia più «divertente» interpretare un cattivo: «Ha tante sfumature. I buoni rischiano sempre di essere “piatti”, al contrario il mio von Walter è un genio del male con il quale ci si può sbizzarrire e che ha molte somiglianze con alcuni dei “potenti” d’oggi, intrallazzatori e ricattatori, violenti e autoritari». Nella disperata storia sentimentale tra la giovane borghese Luisa Miller ed il nobile Ferdinando, «il comico avvicenda il tragico, il capriccio l’orrore e, malgrado gli sviluppi procedano abbastanza tragicamente, ci sono alcuni personaggi e situazioni esilaranti che irrompono. Penso ad esempio al maresciallo von Kalb: ridicolo, quasi un clown». IL TESTO di Schiller è carico di eccessi. Troppi i sentimenti, troppe le passioni e le emozioni, troppi i colori, i buoni sono troppo buoni e i cattivi troppo cattivi. Si rischia di venire soffocati dal troppo? «Assolutamente no, la regìa di Sciaccaluga è riuscita ad inserire tutti i temi, senza esagerare nei contenuti. Molto fa anche la musica: l’autore Andrea Nicolini, che ha il ruolo di Wurm, sul palco suonerà pianoforte e percussioni. È uno spettacolo completo e ritmato, avvinghiato ai colpi di scena come se fosse un giallo dei sentimenti». «Intrigo e amore» replica fino a domenica 18 (alle 20.30; domenica alle 15.30). Costo del biglietto 27 euro (Platea), 19 euro (Galleria Centrale) e 13 euro (Galleria Laterale). •

Alessandro Faliva
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok